giovedì, Aprile 18, 2019
Home > Attualità > 10 febbraio, giorno del ricordo delle vittime delle Foibe

10 febbraio, giorno del ricordo delle vittime delle Foibe

Un massacro dimenticato per molti anni tra le pagine della storia


di SABRINA ROSSI - 10 Febbraio 2019, 10:00

Dal 2005, grazie alla Legge n. 92 del 30 marzo 2004, il 10 febbraio si celebra il “Giorno del Ricordo” in memoria di circa ventimila italiani torturati, uccisi e gettati nelle foibe ad opera delle milizie della Iugoslavia di Tito (Josip Broz) al termine della seconda guerra mondiale.

Per troppo tempo questi eventi tragici sono rimasti all’oscuro, quasi sessant’anni. Ma tutte quelle persone costrette all’esodo dalle ex province italiane della Venezia Giulia, dell’Istria, Fiume e Dalmazia meritano rispetto e di essere ricordate.

Le foibe sono profonde buche tipiche delle regioni carsiche ed utilizzate per sbarazzarsi di oggetti anche di grandi dimensioni. Proprio lì venivano gettati, come fosse un dimenticatoio, i corpi delle vittime italiane a seguito di violenze di massa ad opera di partigiani iugoslavi. Nel 1945 i primi ad essere “infoibati” furono carabinieri, poliziotti, guardie di finanza, militari fascisti della RSI e tutti coloro che non riuscirono a fuggire per tempo.

Il massacro avveniva in modo spietato e crudele. Le vittime venivano legate insieme con fil di ferro ai polsi e disposte lungo gli argini delle foibe. Le prime tre o quattro venivano fucilate e così cadendo all’interno trascinavano con sé tutti gli altri condannati e costretti a morire dopo atroci sofferenze.

Ci si pone spesso una domanda: come mai questi eventi così tragici e di spessore siano rimasti nell’ombra per così tanto tempo?

Solamente nel 1989, dopo il crollo del Muro di Berlino e con la fine del comunismo sovietico, si è iniziato a rompere il silenzio.

Il 3 novembre 1991 il Presidente della Repubblica in carica, Francesco Cossiga, visitò la foiba di Basovizza e chiese perdono per tutto il silenzio degli anni precedenti. L’11 febbraio 1993 si recò in quel luogo anche il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro.

Da quel momento il ricordo diventò sempre più vivo fino a stabilire una vera e propria giornata della memoria per tutte quelle vittime italiane
della Venezia Giulia, dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *