giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Attualità > Savona: si lavora un anno sì e un anno no

Savona: si lavora un anno sì e un anno no

Mille occupati in meno. L’Istat ha fatto i conti per il 2018 e la provincia di Savona si trova ora a lamentare una nuova perdita di posti di lavoro: gli addetti complessivi erano 110 mila a fine 2017, sono scesi a 109 mila un anno dopo, tutti da cercare nelle fila del lavoro dipendente. Il dato è in controtendenza rispetto all’andamento nazionale e anche a quello della Liguria, regione che ha visto salire a 609 mila il numero degli addetti (+6 mila rispetto al 2017) grazie alle buone performance della provincia di Genova.

Nonostante il flop occupazionale, Savona resta la provincia ligure con il più basso indice di disoccupazione 7,8%, anche se l’incremento rispetto al 2017, quando il tasso era attestato al 6,7%, è stato sensibile.  I 109 mila occupati sono suddivisi in 64 mila uomini e 45 mila donne, con un tasso di occupazione (rapporto tra addetti e forza lavoro) pari al 63,2%, leggermente superiore alla media regionale (63%). I lavoratori dipendenti sono 71 mila e gli indipendenti 38 mila. Per quanto riguarda i settori di appartenenza, gli addetti all’agricoltura sono 2 mila (1.000 dipendenti e 1000 indipendenti), 16 mila gli addetti all’industria in senso stretto (13 mila dipendenti e 3 mila indipendenti), 9 mila gli addetti al settore delle costruzioni (4 mila dipendenti e 5 mila indipendenti), 82 mila gli addetti ai servizi (53 mila dipendenti e 29 mila indipendenti).

Come si conciliano tali dati con altri, che, sempre a cura dello scrivente, avevamo pubblicato in un articolo del 29 maggio dello scorso anno, che riportiamo integralmente:

Crollo verticale della cassa integrazione straordinaria in provincia di Savona: da quasi 3 milioni di ore richieste nei mesi da gennaio ad aprile del 2017 si è passati a 268 mila ore nello stesso periodo di quest’anno, con una flessione del 95%. Sono i numeri record elaborati dall’Ufficio Studi della Cgil ligure su dati dell’Inps. L’abnorme ricorso alla cassa integrazione guadagni (soprattutto straordinaria, 2,7 milioni di ore) delle aziende savonesi registrato lo scorso anno aveva concentrato sul territorio provinciale quasi i due terzi (65%) degli interventi della Cig in Liguria, con Genova al 24%, La Spezia al 9% e Imperia al 2% del totale regionale. Il drastico ridimensionamento del primo quadrimestre 2018 ha sensibilmente ridotto la quota savonese che, con il 21% (268 mila ore), è inferiore a Genova (653 mila ore, 50% del totale) ed anche a La Spezia, salita al 25% (322 mila ore), con Imperia al 4% (47 mila ore). Va sottolineato che il ricorso alla Cassa  Intregrazione è calato anche nelle altre province liguri: -40,7% a Genova, -18,7% alla Spezia e -34% a Imperia.

A livello regionale, tra gennaio e aprile le richieste di cassa integrazione sono state pari a 1.291 mila ore, a fronte delle 4 milioni 514 mila ore del primo quadrimestre 2018 (-71,4%); per la prima volta in dieci anni si tratta di un dato inferiore a quello degli anni precedenti la crisi globale. Nel mese di aprile le richieste di integrazione hanno riguardato 221 mila ore (719 mila nel 2017), con un calo del 69,3%: la cassa straordinaria è scesa dell’83,4% mentre si è registrato un lieve incremento della cassa ordinaria (+2,7%). -“Cassa integrazione quasi a zero in provincia di Savona nei primi mesi dell’anno”, di Giorgio Siri, on line dal 29 maggio 2018-

Possono essere vere entrambe le casistiche e coesistere? Può darsi, però dove aumenta la disoccupazione aumenta la cassa integrazione e dove quest’ultima diminuisce è lecito supporre diminuisca l’altra, che ne è una delle cause! Misteri delle statistiche che abbiamo già riscontrato in altri settori come il turismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *