Lettere alla redazione

Lettera a Marco Travaglio

Caro Marco (Travaglio)
‘A mio dispetto e malgrado’ (ma è solo una battuta, tanto per dare l’avvio a queste poche e sempliciotte righe che non saprei altrimenti come iniziare), leggo ogni giorno il FATTO, dono fantastico di amici (che evidentemente, bontà loro, mi hanno in spolverio), con quelle cedole pre-pagate che mi fanno sentire ‘importante’ quando ritiro la copia dalla mia edicolante: da oltre un anno, finchè ieri, l’edicolante appunto, che come avrà intuito è femmina e anche spudoratamente bella (a mio parere, in apparenza, forse un po’ troppa virtuosa) con le gote rosse e gli occhi azzurri (un attimo prima le gote erano bianche, gli occhi, nò, sempre azzurri), con una vocina lieve come frullo di farfalla, a chiedermi : ‘Travaglio che tipo è, sposato? e con tutto quello che si occupa, dove lo trova il tempo specialmente se ha famiglia…’ per poi proseguire:
‘all’alba, appena apro l’edicola, leggo il suo pezzo sul FATTO, a volte le dita sono intorpidite dal freddo, faccio fatica a sfogliare le pagine ma non rinuncio per me è come una droga”, credo abbia ancora aggiunto qualcosa ma non ricordo, o faccio finta di non ricordare. Se lo desidera, per l’ubicazione dell’ edicola e altrimenti, mi chieda. Con l’occasione, un cenno al FATTO, a beneficio dei nostri quattro lettori, risulta essere uno dei pochi, se non l’unico, a non ricevere i consueti finanziamenti per l’editoria, non so se per rinuncia di principio o quali altre motivazioni o perchè non dovuti per qualche italico marchingegno, è comunque evidente che a monte delle spese, la redazione è soggetta a sacrifici economici per poter andare avanti è di ciò è corretto rendere merito e informazione. Certo che il grande ‘boom’ del 2012 (certamente ‘boom’ più concreto di quello di Grillo rivolto a suo tempo al Presidente Napolitano che, fortunatamente data l’ età, non ha udito), confermato in questo inizio del 2013 con un aumento eccezionale delle copie vendute, abbonamenti e altro, avrà di certo valide motivazioni: i lettori apprezzano la chiarezza e lo stile, perchè fa onore alla tanto bistratta lingua italiana così come da molti Suoi colleghi di altri giornali, ma anche e sopratutto la completezza e tempestività delle notizie (spesso anticipate, come e meglio del mago Mandrake), senza alcun favoritismo di parte nè sott’ inteso nè palese, ciò che mi permetto di definire ”in libertà di pensiero e di azione oltre che di coraggio’. Ritornando comunque alla ‘nostra edicolante’ se ci sarà un prosieguo ovviamente La informerò e se capita dalle mie parti, c’è sempre la straordinaria farinata e lo stoccafisso in frittelle da gustare abbondantemente con fresco vino rosso che, mi creda, in tutti i sensi, sono le uniche cose buone rimaste in città.
Gianni Gigliotti

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: