Home > Attualità > Albenga: Distilo ha scelto

Al ballottaggio del 9 giugno appoggerrà Tomatis

Albenga: Distilo ha scelto

Al ballottaggio del 9 giugno appoggerrà Tomatis

Diego Distilo, dopo pochi giorni di riflessione, ha tratto il dado e passato il Rubicone e, al compimento del quarantesimo anno, che ricorre oggi,come aveva preannunciato, con l’unanimità dei colleghi della sua lista e di “Solo per Albenga”, si è espresso a favore di Riccardo Tomatis sindaco. Scelta che si presentiva e che delude Calleri che così afferma, in merito: “Mi stupisce che una persona di così lunga esperienza di centrodestra come Diego Distilo decida di schierarsi al fianco della sinistra e del Partito Democratico, responsabili dei principali fallimenti e delle scelte sbagliate degli ultimi anni”.

Per parte sua Diego Distilo  così si esprime: Abbiamo analizzato i programmi, ma anche gli aspetti personali, politici e amministrativi per capire come il nostro gruppo civico, per una buona parte di estrazione moderata e di Centro Destra, voglia e con quale candidato possa condividere il programma. Ho relazionato ai miei compagni di viaggio come si è svolta questa  settimana spiegando che abbiamo fatto un appello pubblico su due punti fondamentali del nostro programma ovvero la nuova società pubblica municipalizzata e il ridisegno globale di Viale Che Guevara. 

In questa settimana abbiamo notato solo ed esclusivamente da parte del candidato Sindaco Tomatis un vero interesse a sposare le nostre idee mentre dalle liste che appoggiano Calleri, purtroppo è emersa qualche contraddizione”. I disaccordi con la lista Calleri, o con qualche suo esponente, che non hanno distolto Distilo dall’orientarsi verso Tomatis, sarebbero più “locali” che “politiche”. Così, ancora, si esprime Distilo: “Con vero piacere, a dire il vero, dai vertici dei partiti che appoggiano la coalizione di centrodestra mi sono arrivati segnali di distensione e proposte di collaborazione , ma purtroppo da una gran parte dei candidati sono piovute critiche , personalismi ed i soliti pregiudizi che già all’inizio della campagna elettorale ci avevano fatto seguire strade diverse.Ci siamo chiesti come si possibile governare una città per cinque anni con paure e pregiudizi che nascono da lontano ed ora in una notte spariscono solo a fini elettorali .Quindi un grazie a quei vertici di centro destra che mi hanno dato la fiducia ma la loro base resta la loro base con i loro pregiudizi .

Questi comportamenti, questa superficialità sono il segno dell’inadeguatezza di Calleri a fare il Sindaco di una città complessa come Albenga. Mi dispiace perché di quella parte politica ho condiviso in passato esperienze politiche importanti e ancora oggi apprezzo a livello nazionale proposte qualificate.”

Per queste ragioni, con forza e uniti, ci schieriamo pertanto dalla parte delle persone che non ci giudicano e nello stesso tempo condividono i due punti del nostro programma che noi riteniamo fondamentali per contribuire in modo decisivo allo sviluppo  di Albenga; punti che  sono stati completamenti apprezzati e sottoscritti. Per quanto riguarda la nostra rappresentatività dichiariamo sin d’ora che non faremo parte della prossima Giunta comunale, poiché preferiamo rimanere in Consiglio a supportare, vigilare, proporre idee per il bene di Albenga; senza essere interessati a poltrone, assessorati; così come avevamo già detto in campagna elettorale. Saremo uno stimolo incessante e positivo per il Sindaco Tomatis. Siamo certi che la sua ottima capacità amministrativa sarà il valore aggiunto per la nostra Albenga”.

La parola, anzi il segno, è ora agli elettori!

Foto da: “Lavocedigenova.it”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *