domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Fama, Nomea, Reputazione, Popolarità

Fama, Nomea, Reputazione, Popolarità

Fama, nomea, reputazione, popolarità, sino alla immortalità, deriva dal latino “fari” parlare. È la forza dei potenti della storia, amplifica il personaggio, supera persino la morte, anzi la glorifica, diventa leggenda, dà luce al personaggio, facendolo diventare sempre migliore. Nella mitologia romana era divinità allegorica, una figura alata che si spostava a grande velocità. Già gli Egizi, ne erano ben consci ed hanno costruito le tombe più famose del mondo (le Piramidi), come diceva Foscolo, ad imperitura memoria. Anche Roma ha di queste tombe, anzi Castello S. Angelo, al centro di Roma, tomba dell’Imperatore Adriano che l’aveva voluto, ed aveva lasciato scritto il suo epitaffio. I Papi poi hanno trasformato il Mausoleo in fortezza,cancellando il suo nome iniziale “Mole Adriana”. Esiste ancora il Vallo Adriano in “Britania” e Villa Adriana a Tivoli che richiama, riporta tutte le Province dell’Impero e non mancava nemmeno un richiamo agli Inferi: L’Imperatore Adriano fu un tipico esempio, complesso personaggio, mecenate : ricostruì il Pantheon dedicato alle divinità passate, presenti e future, facendo scrivere “lo costruì Marco Agrippa” .Non era megalomane, non scrisse il suo nome su opere d’arte, solo su un tempio scrisse il nome del padre adottivo Traiano, ma potente tiranno, che uccideva i suoi nemici, coloro che mettevano in dubbio la sua adozione, però portò pace, il modello di vita Romano, al Mondo, si fece apprezzare, amare: abolisce la schiavitù,vendita di persone. Aveva “il vizio greco”: amava uomini e donne, non si tradisce la moglie con persone di rango inferiore. Famoso il caso di Antinoo, un giovane bellissimo, della Bitinia (attuale Turchia), di cui si invaghì, che poi scomparve in circostanze misteriose nelle acque del Nilo, in suo nome fù costruita la città Antinopoli. Forse un sacrificio rituale per allungare la vita dell’Imperatore come scrive Erodoto. Altra notizia pare che in tarda età sofferente abbia chiamato il suo medico Giolla chiedendogli di alleviare i suoi dolori specie dell’anima, come aveva fatto Socrate (eutanasia). Ma non morì, il Medico, invece di portargli la pozione ferale, si era avvelenato lui stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *