lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Scienza e Ceramica

Scienza e Ceramica

Interessante interazione di Francesca Perona

Il Museo della Ceramica di Savona, nel contesto del “Festival della Scienza”, presenta l’opera “Ceramica per l’Antropocene” realizzata nel 2017 dalla designer di Francesca Perona, nel corso del laboratorio S+T+ARTS TALKS IN GENOVA. Appuntamento oggi, 4 novembre, alle 14,00, alla Casa Paganini InfoMus, Piazza di Santa Maria in Passione 34, a Genova, aingresso gratuito e prenotazioni scrivendo a events@spxlab.com o registrandosi su eventibrite.

Per maggiori informazioni visita: www.startstalksingenova.eu

S+T+ARTS TALKS IN GENOVA pone l’accento sui risultati di alcune ricerche sull’affascinanate tema dell’interazione tra arte contemporanea, scienza e tecnologia. Il laboratorio è dedicato alla presentazione di esperienze internazionali da parte di istituti di ricerca, artisti e progetti attivi nell’ambito dei programmi europei S+T+ARTS e FET di Horizon2020 e con il supporto scientifico di SpxLab. L’obiettivo è di confrontarsi sulla possibilità di elaborare nuovi processi creativi che scaturiscano dall’incontro tra artisti, ingegneri e scienziati. Si auspica che la collaborazione tra queste figure, attive in ambiti disciplinari diversi, porti alla realizzazione di idee progettuali da applicare a livello industriale e nello spazio urbano.

Ceramica per l’Antropocene di Francesca Perona

Durante l’anno 2017, alternando la residenza tra Savona, Albisola e Torino, Francesca Perona ha avuto l’idea di un intervento creativo che, tramite un approccio sperimentale, ha attinto a due eccellenze del territorio savonese per un risultato collegato: la lavorazione artigianale della ceramica e la ricerca ingegneristica orientata allo sviluppo della Smart City condotta dagli ingegneri del Campus Universitario di Savona. L’opera è stata realizzata in collaborazione con il progetto AARM digifabTURINg del FabLab di Torino che, mediante la stampa 3D a braccio robotico, riesce a produrre pezzi unici in ceramica.

Per identificare l’epoca geologica attuale, in cui l’ambiente terrestre è massicciamente segnato dall’azione dell’uomo, gli scienziati hanno coniato un nuovo termine: Antropocene. Per rispondere alle tematiche urgenti e di attualità ,relative alla sostenibilità ambientale, gli ingegneri del Campus hanno elaborato una microrete intelligente in grado di gestire in modo efficiente l’energia autoprodotta all’interno del Campus stesso. Partendo da queste ricerche, Perona ha collaborato con gli artigiani ceramisti del territorio savonese per tradurre in ceramica i dati provenienti dalla microrete energetica del Campus utilizzando un braccio robotico e la tecnologia digitale. Ceramica per l’Antropocene è il risultato dell’interazione tra design, ingegneria, ceramica e robotica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *