giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Attualità > 19 novembre Savona contro la violenza alle donne

19 novembre Savona contro la violenza alle donne

Il 25 novembre è il Giorno Internazionale della Non Violenza nei Confronti della Donna. La commemorazione di questa data ha origine al primo Incontro Internazionale Femminista, celebrato in Colombia, nel 1980, quando la Repubblica Dominicana la propose in onore alle tre sorelle dominicane Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise per aver combattuto la dittatura. Le donne vittime di violenza per le loro idee, per la loro capacità di lottare per un mondo migliore e, spesso, anche solo per il loro essere donne, sono state e sono tuttora troppe! Ogni coscienza deve risvegliarsi e, ricordando chi si è sacrificata per il futuro di tutti, deve impegnarsi perché questo presente cambi radicalmente.

La donna è violentata dove il maschio, in famiglia, al lavoro, nella società, vale di più, dove si accetta come normalità che debba vendere il proprio corpo, che si prostituisca per il divertimento altrui, dove il suo lato B vale più del suo cervello! La Presidente dell’Associazione culturale savonese ZACEM, Renata Rusca Zargar ha, dunque, organizzato, con il Patrocinio del Comune di Savona e la collaborazione dell’Assessore Isabella Sorgini, il 19 novembre, un pomeriggio intitolato al nome di tre savonesi, Luigina Comotto, Franca Lanzone, Paola Garelli, fucilate al Priamar, perché il passato non sia mai dimenticato. Ma anche il presente, spiegato brutalmente nel video della regista Sara Aguiari di Catania, non è da meno: percosse, droga, prostituzione, marchiano a fuoco anime e corpi. L’attrice Anna Falcone di Trieste racconterà, poi, della gravissima violenza da lei subita da parte del suo compagno che ha messo a rischio la sua stessa vita mentre la classe VB del Liceo Artistico di Savona (l’insegnante di lettere è Renata Rusca Zargar) spiegherà il percorso di conoscenza e riflessione sulla situazione della donna in Italia e nel mondo, svolto lo scorso anno scolastico con l’aiuto della Biblioteca di LIBROMONDO (Centro di Documentazione su Pace, Ambiente, Intercultura dell’AIFO e della PROVINCIA di Savona).

Si parlerà, infine, del libro di Renata Rusca Zargar “Ti chiamerò Mimosa”, che è una raccolta di racconti, tra cui due di Samina e Zarina Zargar (figlie di Zahoor Ahmad Zargar, presidente della Comunità dei Musulmani della Liguria, studentessa del terzo anno di Giurisprudenza a Bologna la prima, matricola di Psicologia a Padova, la seconda) sempre sul tema: si tratti di infibulazione, di prostituzione, di pedofilia, di razzismo o anche di abbandono da parte del compagno nei confronti di chi è colpita da mali incurabili.
Il volume è stato pubblicato dall’Associazione 25 novembre giornata mondiale contro la violenza alle donne come prima di una serie di pubblicazioni e quindi testimonial dell’Associazione stessa (nelle ultime pagine è stato inserito anche lo Statuto dell’Associazione).
http://www.venticinquenovembre.it/Renata_Rusca_Zargar.htm
Il vero raggungimento del rispetto, della dignità e dei diritti della donna, libera da violenze di qualsiasi tipo, è un cammino che può partire solo ed esclusivamente dalla volontà intrinseca delle donne, qualunque sia il credo o il paese di origine. Chi ha studiato o lo sta facendo, e ha un patrimonio maggiore di conoscenze e quindi di libertà, deve porsi come guida e indirizzo di tutte le comunità grandi e piccole, a partire persino dal proprio condominio, perché finisca la schiavitù della donna. Il libro e la giornata vogliono essere momenti di sollecitazione in tal senso.

Locandina Giorno Internazionale della Non Violenza nei Confronti della Donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *