giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > Care famiglie, cari genitori: evitate di fare i tecnici, gli esperti, gli allenatori

Care famiglie, cari genitori: evitate di fare i tecnici, gli esperti, gli allenatori

Limitatevi a fare gli spettatori.

Il problema dei genitori è un problema atavico con cui le società sportive hanno sempre avuto a che fare, ma che negli ultimi anni, ha assunto situazioni preoccupanti a causa delle ingerenze di molte famiglie e di molti genitori nella vita e nelle scelte delle società sportive ove giocano i loro figli, indipendentemente dalla disciplina praticata. Premessa comunque importante è che i genitori sono e rappresentano una risorsa per le piccole società sportive che necessitano della loro presenza in occasione delle trasferte della squadra o in occasione dell’allestimento di particolari eventi o manifestazioni. Genitori che si prestano e che si adoperano per collaborare con i dirigenti e gli allenatori coinvolgendosi nella vita societaria e dando al club un contributo organizzativo molto importante e qualificato. Genitori che però si devono e si dovrebbero limitare a fare questo, senza intromettersi in quelle che sono le scelte tecniche che competono solo ed esclusivamente alla società, ai loro tecnici ed allenatori. Purtroppo l’aiutare la società in qualche modo porta i genitori a dare pareri e sentenze dalle quali dovrebbero restare completamente al di fuori continuando a fare i genitori ed i sostenitori della squadra ove gioca il proprio figlio. Ben sappiamo che l’eccessivo coinvolgimento porta automaticamente ad una maggiore confidenza con la società fino, spesso, a condizionarla con osservazioni e critiche che vanno a minare la serenità. Genitori che non accettano che il loro marmocchio si segga in panchina o, peggio ancora, non venga convocato dal mister: genitori che si sentono autorizzati ad inventarsi la formazione vincente o dare dei ruoli ai giocatori ed a volte, di criticare aspramente non solo le scelte del mister, ma il rendimento in campo dei compagni di squadra del loro figlio, che magari, è restato in panchina, perché secondo l’allenatore-non è ancora in grado di cimentarsi in quell’ evento sportivo. Purtroppo, l’influenza di questi genitori si ripercuote sul loro figlio, sul suo rendimento ed anche nella sua serenità di operare all’interno del suo “gruppo”. Ragazzi tranquilli e sereni che vengono fagocitati dagli stessi genitori fino ad assumere comportamenti ed atteggiamenti negativi nei confronti del loro allenatore o dei loro stessi compagni di squadra. Nascono malintesi, incomprensioni, rivalità che non sono certo frutto dei ragazzi, ma di questi genitori che-diciamocelo chiaro- non sanno stare al loro posto, non avendo capito che il loro ruolo deve essere solo quello genitoriale e non quello di critici o di esperti. Genitori che, molto spesso, conoscono bene anche quelli che sono i limiti tecnici e sportivi dei loro figli, ma che non accettano che gli stessi possano essere inferiori ad altri. Genitori che dovrebbero accontentarsi del fatto che il loro figlio viva più serenamente e tranquillamente la sua realtà sportiva senza infierire sulla sua mente accendendo in lui piccole invidie o rivalità, che non contribuiscono certo alla sua crescita morale e sportiva. Società sportive che, vista tanta ostinazione ed a volte imbecillità, dovrebbero intervenire energicamente a salvaguardia dell’integrità e della tranquillità di tutto il gruppo e permettere agli “addetti ai
lavori” di intervenire per parlare chiaro a questi genitori e minacciando di prendere in merito tutti gli opportuni provvedimenti. In alcune discipline sportive l’intervento di molti genitori è diventato quasi devastante con comportamenti anti sportivi e minacciosi. Genitori che sognano il podio per i loro figli e che, per egoismo o desiderio di gloria, non sanno più godere ed accontentarsi di nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *