Attualità

Covid 19: rallenta ma non molla la presa

Il contagio del Corona Virus o Covid 2019, non mostra ancora numeri significativa di decrescita, pur se il numero di chi contrae quotidinamente la malattia è in diminuzione;  da quando divampa, la malattia , ha segnato una diffusione in crescita e tuttora in corso,  considerandocomunque che i guariti sono sono di molto superiore ai deceduti; di seguito i dati diffusi a livello nazionale  nella conferenza stampa della Protezione Civile di ieri 13 aprile, delle ore 18.00:

  • 159.516 i casi totali dall’inizio della pandemia. Le persone attualmente positive sono 103.616, 20.465 deceduti e 35.435 guariti.

Variazioni rispetto al precedente bollettino:

  • 3.153 nuovi casi positivi
  • 566 deceduti
  • 1.224 guariti

Tra i 103.616 attualmente positivi (+ 1.363):

  • 72.333 si trovano in isolamento domiciliare (+ 1.270)
  • 28.023 ricoverati con sintomi (+176)
  • 3.260 in terapia intensiva (-83)

Sono 1.046.910 (+36.717) i tamponi effettuati.

In LIguria la situazione è la seguente, aggiornata all’ultimo comunicato di poco fa’ del presidente Toti:

Sono 4355 le persone positive alla Covid-19 in Liguria (60 più di ieri) e sono 760 i deceduti dall’inizio dell’emergenza (+ 11 su ieri). Secondo il bollettino comunicato dalla Regione poco prima delle 18, i test effettuati sono 23.129 (1146 più di ieri).

Inoltre, sono al domicilio 2217 persone (62 più di ieri), sono 992 i clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) e sono 479 i guariti con 2 test consecutivi negativi (31 più di ieri).

Dei positivi totali, 1146 sono gli ospedalizzati (30 meno di ieri), di cui 138 in terapia intensiva (6 meno di ieri), così suddivisi:
Asl 1 – 176 (di cui 18 in terapia intensiva)
Asl 2 – 148 (di cui 19 in terapia intensiva)

San Martino– 288 (di cui 37 in terapia intensiva)
Evangelico – 57 (di cui 5 in terapia intensiva)
Ospedale Galliera – 123 (di cui 10 in terapia intensiva)
Gaslini – 4
Asl 3 Villa Scassi – 183 (di cui 23 in terapia intensiva)
Asl 3 Gallino Pontedecimo – 5
Asl 3 Micone – 2
Asl 4 – 50 (di cui 8 in terapia intensiva)
Asl 5 – 110 (di cui 18 in terapia intensiva)

I “positivi” divisi per provincia sono:
Genova – 2372
Savona – 630
Imperia – 740
La Spezia – 500

113 sono in fase di verifica

Le persone in sorveglianza attiva sono 3263, così suddivise:
Asl 1 – 920
Asl 2 – 620
Asl 3 – 729
Asl 4 – 366
Asl 5 – 628

Si sta decidendo comunque per una iniziale riapertura , in Liguria:
Libertà per le persone di recarsi negli orti e nei frutteti, per i giardinieri di riprendere il lavoro, per i titolari degli stabilimenti balneari (e dei chioschi in riva la mare) di provvedere alla manutenzione in vista della stagione estiva, oltre alla riapertura di piccoli cantieri edili e di librerie, cartolerie e negozi per bambini, come indicato dal Dpcm: questi alcuni degli aspetti dell’ordinanza del Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, attesa entro stasera.

I temi sono stati anticipati nel corso della consegna di 2 milioni di mascherine acquistate dalla Regione e  stoccate negli spazi della Fiera a Genova :. «E’ logico che chi ha un orto o un frutteto, e lo coltiva per le esigenze della famiglia, debba poterlo curare senza lasciar morire le piante, così come è normale che i giardinieri possano lavorare – ha detto Toti – Oltre a questo, mi sembra logico che le piccole manutenzioni concesse per le fabbriche nel decreto del presidente del Consiglio possano essere concesse anche agli stabilimenti balneari e ai chioschi che devono essere sistemati in vista della stagione estiva. Il tutto con cantieri isolati e senza contatto con altre persone. Si tratta di piccole misure che possono dare un minimo di fiato al tessuto di micro e piccole imprese del nostro territorio». Così ancora il Presdiente della Regione: «Poi partirà il lavoro con le Prefetture, i sindacati e le associazioni degli imprenditori per incominciare a costruire quell’insieme di regole che saranno indispensabili per arrivare alla riapertura del Paese»; l’idea è di prendere alcune aziende “pilota”, d’intesa con i sindacati e l’Agenzia ligure per la Sanità (Alisa), per fare sperimentazioni su come si potrà tornare sul posto di lavoro.

Morto un operatore di  Rsa
L’epidemia sta rallentando ma sono sempre numerose le vittime. Tra gli ultimi deceduti, un operatore socio sanitario della Rsa San Camillo di Genova, morto stamattina al Villa Scassi. A seguito del caso, la Uil ha annunciato che si costituirà parte civile. Anche la Cgil è pronta ad agire in giudizio. E, in questi giorni,  i controlli delle forze dell’ordine in Riviera per impedire gli spostamenti e gli assembramenti non hanno avuto sosta. Secondo i dati della prefettura di Genova, a Pasqua sono state controllate 4.381 persone. Di queste 225 sono state sanzionate: un numero inferiore rispetto ai quasi 300 di sabato.

Accordo pieno sulla necessità di mantenere il rispetto delle norme anticontagio, meno tra Liguria e Governo sulla strategia della ripartenza, la cosiddetta fase 2. Mentre il presidente del Consiglio superiore di sanita’ (Css), Franco Locatelli, consiglia cautela sulle riaperture e sulla fine del lockdown, ipotizzando una possibile riapertura delle scuole da settembre, la Liguria preme per riaprire, dove è possibile e in piena sicurezza, i cantieri strategici.  Piemonte e Campania, per perte loro, sono, per il momento, contrarie a riaperture.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: