Attualità

20 MAGGIO 1970 20 MAGGIO 2020 50 ANNI DI STATUTO DEI LAVORATORI

La data del 20 maggio è una vera e propria data storica, bisognerebbe affiancarla alle piu note:

29 maggio 1453 (Caduta di Costantinopoli), 15 ottobre 1492 (“Scoperta dell’America,”), 14 luglio 1789 (presa della Bastiaglia, inzio della Rivoluzione Francese), 17 marzo 1871 (Proclamazione del Regno “Unità” d’Italia), 11 settembre 2001 (attacco alle torri gemelle di New York) insieme a tante altre ancora.

La valenza del 20 maggio 1970 però pare oscurata, sommersa, forse perché ci si scorda di come la sua importanza sia stata ed e tutt’ora vitale. Qualcuno riterrà l’aggettivo da me utilizzato spropositato, ma lo ribadisco, la data del 20 maggio 1970 è una data storica, in quanto è il giorno in cui La Camera dei Deputati ha approvato la legge 300/70, nota come “Lo Statuto dei Lavoratori”.
Il testo di legge è fondamentale poiché la sua applicazione porta benefici alla società intera.
Lo Statuto è legato alle conquiste e alle lotte dei lavoratori, per molti di loro ha finalmente riconosciuto e applicato normative essenziali:

– Tutela e dignita dei lavoratori.
– Possibilita di attività sindacale nei luoghi di lavoro.
– Libertà di opinione del lavoratore
– L’articolo 18, ormai diventato famoso, all’epoca ha significato una novità importante, in quanto prevedeva il reintegro del lavoratore licenziato senza giusta causa.

Ho solamentre citato alcuni principi e diritti presenti nella legge, i più incisivi; noterete come nonostante siano passati 50 anni, le tematiche ed i problemi espressi dallo Statuto continuino ad essere argomenti di discussione e contrattazione odierna.

Evidenziamo come “Lo Statuto dei Lavoratori” sia stata una svolta fondamentale, approvata a seguito delle lotte sindacali della fine anni Sessanta, quello che è stato definito il famoso autunno caldo. Citiamo le discusse morti bianche, termine eufemistico per indicare le persone decedute lavorando, perché per la conquista di questo importante traguardo, diritti che oggi appaiono ordinari, molti hanno perso la vita, alcuni durante lo svolgimento delle loro mansioni, altri invece vittime di un processo più lento, hanno sofferto a causa di malattie professionali, quali silicosi, amianto o varie forme di tumori.

In passato, purtroppo a molti sono state negate la tutela e la sicurezza sul posto di lavoro, poi ottenute con la legge n. 626/94 (sulla sicurezza) e successivamente dal D.L. 81/2008. Le due leggi ricordate sono da intendere a integrazione dello Statuto. Hanno avuto come obiettivo quello di stabilire regole, procedure e misure di prevenzione sul posto di lavoro. Avrete notato come serva tempo per dare attuazione e applicazione ai principi dello Statuto dei lavoratori. Va detto che non tutto è risultato soddisfacente, ancor oggi è presente una quantità inaccetabile di persone morte sul lavoro, l’odioso fenomeno del caporalato, una notevole quantità di lavoro illegale (totalmente privo di tutele).

Se ne parla poco, soprattutto non lo si racconta ai giovani, ma alcuni dei nostri nonni/e padri, madri hanno rovinato la loro salute lavorando, combattendo le loro battaglie per varie migliorie delle condizioni di lavoro, tramandando questo patimonio sociale direttamente a noi, loro eredi.
Lo sviluppo della globalizzazione, il tentadivo di aggirare “Lo Statuto” e altre leggi ad esso conseguenti hanno fatto sì che gli eredi paiono essere irriconoscenti e scarsamente informati, perché ignari in merito alla storia della nascita dello Statuto.

Con il nostro articolo speriamo di aver illustrato e reso parzialmente consapevoli di quanta strada ancora si debba percorrere per la totale realizzazione dei principi fondamentali “dello Statuto”, con all’orizzonte la speranza di creare sempre maggior occupazione.

Avendo da pochi giorni ricominciato la maggior parte delle attività, a seguito della devastazione sociale dovuta al coronavirus, auguriamo a tutti una ripresa che possa inserirsi nell’ambito della totalita dei principi espressi dallo Statuto…consapevoli che

l’Italia è una Reppubblica fondata sul lavoro.

1 commento

  • L articolo sullo statuto dei lavoratori mi è piaciuto. Cesare Vismara ha riassunto nel testo la storia e il significato importante di tale conquista, ricordando ai giovani di apprezzare e valorizzare quei lavoratori e sindacalisti che prima di noi hanno lottato per lasciarci una eredità sui diritti nel mondo del lavoro! Anche la nostra città Savona ha avuto grandi sindacalisti !

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: