domenica, Marzo 24, 2019
Home > Attualità > 2018, l’anno più caldo, il 2019 ancora di più!

2018, l’anno più caldo, il 2019 ancora di più!

Fra Maccaja e Niño la meteoropatia - mentale - imperversa!


di GIORGIO SIRI - 8 Gennaio 2019, 9:32

Ieri,7 gennaio, il TG1 – ma sarà stato lo stesso anche per gli altri telegiornali – ha annunciato che il 2018 è stato l’anno più caldo, specie in Italia , ha aggiunto ammiccando, così da tranquillizzare tutti che il sole ed il mare ci attendono e che presto le “prove generali d’estate” apriranno la strada all’estate folle e spensierata! Vabbè, si dice un po’ meno ora – meno male!- come si dice un po’ meno “caldo record” oppure che “i vacanzieri hanno preso d’assalto”, cose, forse, più di fine anni 1990 e di primi anni 2000 ma le rimpiangiamo quando sentiamo affermare, in modo cretino ancor più, diciamo la parola giusta, e lo scrivente se ne assume volentieri la responsabilità, “anno più caldo di sempre” perchè sempre è sempre e non è “da quando vengono misurate le temperature”! Ed è inutile che gli storici e gli storici del clima, spieghino che un notevole miglioramento climatico, così si dice, si verificò nel periodo centrale del Medioevo, ovvero fra l’età carolingia – IX, X secolo – ed il XIV secolo, quando iniziò quella che è stata definita la “Piccola era glaciale” che viene fatta terminare a metà del XIX secolo, ebbene è inutile che ce lo vengano a dire perchè c’è sempre chi si straccia le vesti dichiarando che “così rapido come adesso” il “riscaldamento globale”è un fenomeno senza precedenti! E, a dispetto di ciò, tutti se ne infischiano ed anche quando gli acquazzoni e le piogge non danno tregua. come nella prima metà di novembre scorso, con temperature elevate, specie al Meridione – come abbiamo sempre, sempre in senso relativo, ascoltato – i soliti telegionali, fra una tromba d’aria e un allagamento, riferivano che “gli amanti del caldo” potevano essere contenti! Perchè è così, diciamo la verità, a dispetto di tutti i catastrofismi preannunciati dai dervisci del cambiamento climatico: di tutte le tragedie che incombono sul nostro pianeta, la meno tragica è quella del cambiamento climatico perchè nessuno, forse nemmeno gli stessi predicatori di sventura, che poi non suggeriscono mai la soluzione quando ammoniscono che “siamo ancora in tempo”, se la prendono più di tanto eloro stessi, quando il “caldo anomalo” si fa sentire se ne andranno al mare se c’è il mare vicino a loro oppure, ben lungi dal ritirarsi all’interno dei laboratori e dei centri di rilevazione, in meditabondo raccoglimento, se ne andranno a fare una passeggiata o a prendersi il sole, come vediamo fare dalla gente del nord – milanesi compresi – quando viene in Riviera!

Comunque, mentre il telegiornale diceva che l’anno più caldo è il 2018 – che poi a leggere bene sarebbe, anche se non credo minimamente lo sia, non c’è paragone fra la capillarità delle rilevazioni odierne ed i dati raccolti, in modo sicuramente meno preciso e sistematico, da quando vengono registrate le temperature “l’anno più caldo in Europa” – ! Coldiretti riferisce invece che è il “quarto anno più caldo” e io ricordo che, della qualità di “quarto anno più caldo”, erano già state investite parecchie annate passate, forse i primi tre, in tale ottica, sono anni mitici i cui valori è impossibile raggiungere ! Poi c’è chi dice che dal 1800, non si sa se proprio dall’anno 1800, quello della battaglia di Marengo, o dal 1800 per indicare il XIX secolo, il 2018 è l’anno appunto più caldo ma poi si legge che è dal 1910 che le temperature vengono rilevate con una sistematicità effettiva, insomma non c’è molta chiarezza, ma si sa che non c’è molta chiarezza e soprattutto, molta coerenza, nella declinazione del dogma del cambiamento climatico o del “global warming”! E cè da stupirsi che, nell’anno più “caldo di sempre”, sia stata la gelata più gelida di sempre, anche quella, fra febbraio e marzo 2018 appunto, a danneggiare irrimediabilmente le coltivazioni con richiesta successiva di risarcimenti per i danni subiti! E comunque è inutile stare a scervellarsi perchè già viene annunciato che sarà il 2019 l’anno “più caldo di sempre”: cercare su Google per credere, con i capricci che El Niño e il suo opposto, La Niña, potrebbero combinare – lo si legge su National Geographic Italia! – Ma lasciamo perdere, perchè il 2020 sarà sicuramente quello l’ anno più caldo, prima di venir surclassato dal 2021 e quello dal 2022, sin quando qualcuno forse non dirà: “Se semo sbagliati!” come dice Marino Balestrini, l’impareggiabile personaggio interpretato da Nino Manfredi nel film “Straziami ma di baci saziami”, in veste di cameriere, avendo servito una bottiglia di vino da pasto invece che di Brunello, ma questa è un’altra storia e un invito a rivedere quel film!

In ogni caso, fra Natale e Capodanno, sempre a dispetto di tutte le filippiche dei dervisci del cambiamento climatico, si sono avuti giorni di “maccaja” come non se ne vedevano da tempo, da tanto tempo – a parte che si è vista anche dopo – da quando io, giovinetto, che a Natale aspettavo la neve, non potevo far altro che passare le vacanze scolastiche alla “maccaja”, che invece divertiva – e diverte – il mio fratello maggiore! E vorrei ricordare, anche all’Arpal che non aspetta o non aspettava altro che di poter inserire il pittoresco termine dialettale nei bollettini ufficiali, che la “maccaja”, dall’inglese “muggy air” o dal greco “malakia”, non è il vento di mare, come durante la Milano-Sanremo del 2017, quando un cronista televisivo disse “..da queste parti questo tempo lo chiamano –macai-“, maccaja, dagli anziani, si è sempre sentito per definire un tempo di bonaccia, influenzato sicuramente da correnti marine sudorientali, ma di calma di vento, di umidità statica, non di scirocco e, meno ancora, di libeccio impetuoso!

“Maccaja” è divenuto pure un concetto letterario per indicare una senso di malinconia o di “spleen” ed ha dato il titolo, tra l’altro, ad un album di Pivio e Aldo Scalzi nel 1991 e ad un libro di Bruno Morchio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *