venerdì, Maggio 24, 2019
Home > Attualità > 31 maggio giornata mondiale senza tabacco

31 maggio giornata mondiale senza tabacco

Tempi duri per i fumatori, aumentano sempre i prezzi.

Il fumo. oltre che essere un danno alla salute, pesa sul portafoglio Il deterrente economico può aiutare chi da un po’ pensa di smettere, ma spesso non basta.

La giornata mondiale senza tabacco viene celebrata a partire dal 1988 per invitare le persone ad astenersi per almeno 24 ore dal fumo, invitandole a smettere.

Secondo un’indagine dell’OMS, 6 milioni di persone muoiono a causa del fumo.

Il fumo di tabacco, oltre alle consuete componenti derivanti dalla combustione (fumo), contiene nicotina, un alcaloide stimolante che può illudere il fumatore di ottenere un miglioramento (temporaneo) di memoria, di umore e di velocità di riflessi, ma genera anche una forte dipendenza ed è responsabile di una particolare sindrome astinenziale con un aumento dei livelli di ansia, stress, depressione e da peggioramento di umore e memoria.
Il fumo è uno dei maggiori fattori che contribuiscono a provocare problemi di salute, specialmente il carcinoma del polmone, l’enfisema e le malattie cardiovascolari. Molti Paesi regolano o limitano la vendita di tabacco e per quanto riguarda la pubblicità dello stesso, quando permessa, è richiesto l’inserimento, sulle confezioni, di avvisi riguardo ai rischi connessi al consumo. Altra misura è quella di vietare il fumo nella maggior parte o nella totalità dei luoghi pubblici.

Il consumo di tabacco, mediante l’uso di pipe o sigari era diffuso tra le diverse popolazioni dell’intero Continente Americano. Si credeva avesse poteri magici, era impiegato durante le divinazioni e nella produzione di talismani. E si usava bruciare tabacco anche in occasione di sacrifici divini.Nelle opere scultoree e pittoriche Maya sono spesso raffigurate scene relative all’uso di tabacco.
Quando Cristoforo Colombo sbarcò in America, annotò con cura nel suo diario di bordo l’abitudine dei nativi di aspirare fumo da un cartoccio di foglie di mais (cicàr) contenente delle foglie secche (tabacà). Sembra che il primo vero fumatore europeo fosse Rodrigo de Jerez, imprigionato dall’Inquisizione Spagnola dopo che i suoi familiari lo denunciarono spaventati per aver visto del fumo uscirgli dalle narici e dalla bocca . Nel XVI secolo il tabacco divenne popolare tra i marinai e venne introdotto anche nel Regno Unito e in Spagna, dapprima come pianta ornamentale e, solo in seguito, da fumo. Nel 1604 re Giacomo I d’Inghilterra scrisse e fece pubblicare la sua “invettiva contro il tabacco”, in cui descriveva per la prima volta e con cura i presunti danni che il tabacco poteva arrecare alla salute.
Nel 1610 ne fu vietata la coltivazione in Cina, pena la decapitazione.

Durante la Guerra dei Trent’Anni, i Lanzichenecchi diffusero il tabacco ovunque in Europa e nel 1630 la Svezia e l’Austria erano le nazioni con più fumatori, mentre in Svizzera vigeva il divieto a consumarlo. All’inizio dell’800 il sigaro divenne popolare in Inghilterra, ma fu più tardi soppiantato dalla più economica sigaretta, così come avvenne nel resto d’Europa. La regina Vittoria detestava il tabacco, ma appena dopo la sua morte, il figlio e successore Edoardo VII, che evidentemente la pensava in maniera ben diversa, invitò i suoi amici in una grande stanza di Buckingham Palace con un sigaro.

La sigaretta è la stampella per affrontare la giornata per rilassarsi. Ogni fumatore pensa ogni giorno di smettere,ma forte è la dipendenza, la paura di soffrire, ricadere, ammettere la sconfitta.

Ogni attimo è buono basta trovare il coraggio di buttare via il pacchetto e 14 giorni di disagio per astinenza si è fuori del tunnel del fumo.

All’inizio magari basta non aspirare fumo, ricordare continuamente i rischi per la salute e serve impegnare il cervello, distrarlo, motivarlo a trovare stimoli, compensare (attenti aumento di cibo). Per aiutare i fumatori incalliti i centri antifumo operano per fornire aiuto (psicologico e farmacologico)su tutto il territorio- Ognuno con proprie regole, basta entrare sul sito Ospav per conoscere modi,tempi e costi per incontri medico psicologici.

Gli esiti di riuscita variano dal 9% al 25% per il periodo di controllo che varia dai 6 ai 12 mesi-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *