giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > 4 novembre: la Vittoria

4 novembre: la Vittoria

Oggi, 4 Novembre, sono cent’anni da Vittorio Veneto, la battaglia che concluse per l’Italia la Grande Guerra, prima ancora che il conflitto terminasse, l’11 novembre, per il fronte occidentale. Un centenario che attendevamo, che ci chiedevamo come sarebbe stato, noi che, bambini, abbiamo vissuto il cinquantesimo, nel 1968, quando, a Celle, lo scrivente aveva iniziato la quinta elementare, la maestra Aurelia Bruzzone, l’insegnante autodidatta che ci insegnava ad amare la piccola patria cellese e la patria italiana, come ardentemente le amava lei, ci affidò il compito di intervistare un reduce, allora ce ne n’erano ancora molti, ed io l’avevo quale vicino di casa: un friulano della provincia di Pordenone, Rino Taiariol, si chiamava, mutilato di una gamba: l’emblematico reduce della Grande Guerra, che mi raccontò la sua esperienza: correva durante un assalto e cadde a terra, si accorse solo dopo che aveva perso parte dell’arto! La Repubblica Italiana istituì in quell’anno il Cavalierato di Vittorio Veneto, per «esprimere la gratitudine della Nazione» agli ex combattenti ancora in vita e che estese pure agli italiani che avevano combattuto nell’esercito dell’Austria -Ungheria poichè residenti in regioni allora ad essa soggetti: anche tali insoliti reduci comparivano,e compaiono tuttora, quando vengono riproposte trasmissioni televisive di anni passati, dedicate alla Grande Guerra. In questi anni di commemorazione, dal 2014, il canale televisivo “Rai Storia” ha aggiornato costantemente il ricordo del conflitto, ripercorrendo le battaglie e gli eventi bellici e, nel contempo, ritornando sugli aspetti che la letteratura, soprattutto, od il cinema, hanno sottolineato:  l’assurdità della guerra, la spietata costrizione, le sofferenze imposte a masse di uomini utilizzati come materiale bellico, la sostanziale affinità di combattenti contrapposti in una causa non loro: ciò che è stato messo in rilevo da film come “Uomini contro” di Francesco Rosi,tratto da “Un anno sull’altipiano” di Emilio Lussu, oppure da indimenticabili romanzi, veramente formativi, anche per lo scrivente, letto alle medie come materia di studio, come “Niente di nuovo sul fronte occidentale” – Im Westen nichts Neues – (1929), di Erich Maria Remarque. Sottolineato questo lato, pur imprescindibile, motivo conduttore,divenuto un po’ luogo comune, siamo sinceri, di molti eventi commemorativi a livello locale, come, l’estate scorsa, “Courage e la Grande Guerra” spettacolo allestito sul Priamar, non va trascurato, non va dimenticato il carattere che pur sempre ebbe, la “Grande Guerra”, di ultima delle guerre risorgimentali, per noi, o di istanze di riscatto della propria indipenza dalle soggezioni imperiali, per nazioni come la Polonia o la Cecoslovacchia, da cui provennero combattenti che, a rischio di essere condannati per tradimento, scelsero il campo opposto, per le rivendicazioni che stavano loro a cuore; non dimentichiamo, ad esempio, che 30.000 cechi, presi pregionieri, scelsero di combattere con l’esercito italiano; così come Battisti, o Sauro, o Chiesa, o Filzi, disertarono dall’esercito austriaco per arruolarsi con gli italiani, come erano loro e, catturati,vennero condannati a morte ed il triste e drammatico spettacolo dell’impiccagione di Battisti, stigmatizzato tra l’altro dallo scrittore Karl Kraus, impressionò il mondo e compromise l’immagine dell’Austria-Ungheria. Non va trascurato che nella Prima Guerra Mondiale si lotta per la supremazia del diritto internazionale contro chi riteneva che i trattati internazionali fossero “pezzi di carta”, secondo la definizione divenuta famosa, pronunciata dal cancelliere tedesco Bethmann-Hollweg, a proposito dell’accordo che garantiva la neutralità del Belgio, quando la Germania occupò questo Paese, allo scopo di attuare le misure di attacco alla Francia previste nel Piano Von Schlieffen, si combattè per un principio di cooperazione internazionale,che si manifestò con la creazione della Società delle Nazioni, negli anni 1920, e che aveva le proprie radici nei famosi “Quattordici Punti” del Presidente degli Stati Uniti, Wilson, contro il principio della politica di potenza che, specie della Germania, costituiva il retaggio. Certo poi è evidente che si combatte fra “imperialismi”, per la conquista di posizioni di supremazia che, come qualcuno aveva previsto, e così fu, neppure i vincitori avrebbero conseguito perchè nessuno sarebbe uscito con vantaggio da una guerra totale e logorante come il primo conflitto mondiale; certo non si possono dimenticare o ignorare le condanne a morte di chi “voltava le spalle al nemico”, le decimazioni per gli ammutinamenti di uomini esasperati, la disciplina spietata, che riguardò tutti gli eserciti, ma c’è sempre qualcuno che ha una ragione in più, che accoglie un’idea superiore in più, che è preferibile all’altro, che meglio coinvolge, oltre gli interessi, anche gli ideali! Chi, come lo scrivente, ha potuto ancora avvicinare dei reduci, come del resto si è inteso da interviste degli anni 1960, riproposte da Rai Storia, può affermare che raramente si ascoltava da loro il punto di vista, pur fondamentale, espresso poi dalla letteratura; da loro la partecipazione al terribile conflitto era sentita piuttosto come un duro dovere richiesto dalla Patria per fini comuni ed elevati, che riguardavano l’Unità nazionale e la sopravvivenza della Nazione.

Per quanto riguarda la Battaglia di Vittorio Veneto, sempre dalle trasmissioni di Rai Storia, è stata messa in rilievo la figura del Capo di Stato Maggiore, Armando Diaz, il generale della vittoria, succeduto a Cadorna dopo Caporetto, si è ritornati su ciò che si apprende dalla Storia, ovvero del suo diverso modo, rispetto al predecessore, di rapportarsi con ufficiali e soldati, dell’introduzione di misure migliorative per l’esercito, della creazione dell’ufficio di propaganda, in cui operarono personalità come Ugo Ojetti, che lo diresse, scrittore e giornalista che aderì al fascismo e lo sostenne, ma dove agirono anche eminenti successive figure di antifascisti, come Ferruccio Parri, che divenne ufficiale dello Stato maggiore o Giovanni Gronchi; anche Cristoforo Astengo, avvocato, famoso antifascista savonese, fucilato il 27 dicembre 1943, fu un ufficiale decorato nella Grande Guerra, ciò ancora a sottolineare una coralità di partecipazioni alla Grande Guerra, un’adesione di popolo, nonostante tutto, che è ribadita dalla partecipazione ai Governi Boselli ed Orlando, come ministro dell’ Assistenza Militare e Pensioni di Guerra, di uno dei padri del socialismo italiano, Leonida Bissolati! A Vittorio Veneto guidava l’ottava armata, che per prima ebbe l’ordine di attraversare il Piave, il nostro conterraneo finalese, il generale Enrico Caviglia; ai suoi ordini anche il corpo britannico guidato da Lord Cavan: Caviglia ricevette il grado di Maresciallo dal Governo inglese.

Non è giusto pertanto, per quanto detto, ignorare ciò che di positivo derivò dall’enorme sacrificio di tanti uomini che morirono nel conflitto, pur se la “pace cartaginese” di Versailles covò in sè taluni presupposti della Seconda Guerra Mondiale; il sacrifico dei Caduti della Prima venne preso in eredità dai vincitori, compresi i combattenti della Resistenza, della Seconda!

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il premier, Giuseppe Conte, il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, i presidenti di Senato e Camera, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico, ed il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano,monumento ai caduti savona  ha già deposto la Corona di rito all’Altare della Patria, dove riposa il Milite Ignoto; sarà in mattinata a Redipuglia e poi a Trieste per chiudere ufficialmente le celebrazioni, in piazza dell’Unità d’Italia.

 

One thought on “4 novembre: la Vittoria

  1. Caro Giorgio,
    Ho apprezzato con ammirazione il Tuo pezzo sul IV Novembre, denso di esperienze della nostra giovinezza che come Te ricordo e di considerazioni storico-letterarie che possono stare alla pari, se
    non al di sopra, di quelle di commentatori di vaglia, dalle quali potrebbero solo apprendere.
    Grazie….. tuo fratello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *