domenica, Settembre 15, 2019
Home > Cultura e Musica > “L’AVARO” DI MOLIÈRE CON ALESSANDRO BENVENUTI E LA REGIA DI UGO CHITI

“L’AVARO” DI MOLIÈRE CON ALESSANDRO BENVENUTI E LA REGIA DI UGO CHITI

di Redazione

“L’avaro”, una delle più note e rappresentate commedie di Molière, arriverà domenica 7 e lunedì 8 agosto in piazza Sant’Agostino a Borgio Verezzi nella versione curata dal regista e drammaturgo Ugo Chiti e prodotta da Arca Azzurra Teatro.

Lo spettacolo, che vedrà protagonista Alessandro Benvenuti nei panni dell’avaro Arpagone, andrà in scena al Festival in prima nazionale (ore 21,30).

“Dopo lo strepitoso ‘’Pinocchio’’, tra i migliori spettacoli delle recenti edizioni del Festival, Arca Azzurra Teatro mi ha proposto di portare a Verezzi ‘’L’avaro’’ di Molière con Alessandro Benvenuti, personaggio popolare, che più volte ha collaborato con la stimata compagnia toscana. – spiega il direttore artistico della stagione verezzina, Stefano Delfino – L’inserimento nel cartellone del 50° Festival è stato pressoché automatico. A garantire la qualità del progetto, tra l’altro, è ancora una volta Ugo Chiti, pluripremiato anche per le sue sceneggiature cinematografiche, tra cui “Gomorra”, “Reality” e “Il racconto dei racconti” di Matteo Garrone”.

Una bella notizia è arrivata nei giorni scorsi a Borgio Verezzi: gli organizzatori del Premio Tatiana Pavlova, riconoscimento nazionale per la divulgazione dell’arte contemporanea, hanno deciso di assegnare il Premio 2016 Tatiana Pavlova per le manifestazioni teatrali alla stagione verezzina.  “Il Festival di Borgio Verezzi – si legge nella motivazione –  rappresenta oggi una delle più importanti manifestazioni teatrali italiane ed europee.  L’impegno e la costanza hanno premiato i promotori,  che hanno visto lontano e hanno costruito un modello di grande interesse culturale e sociale. Un faro in un’Italia dove l’arte è nata ma spesso non è più amata come un tempo.  Il Festival testimonia la grande passione per l’arte di una comunità tutta, che è riuscita a realizzare il progetto di trasformare Verezzi, isola dei poeti e degli innamorati, in un meraviglioso spazio teatrale.  Un risultato straordinario, che dura nel tempo e dimostra quanto la passione, l’entusiasmo e l’amore riescano a vincere difficoltà e problemi”.

Il Premio sarà consegnato la sera di mercoledì 10 agosto, sul palco di piazza Sant’Agostino a Verezzi, subito prima del debutto nazionale dello spettacolo “Sorelle Materassi”, interpretato da Lucia Poli e Milena Vukotic per la regia di  Geppy Gleijeses.

L’AVARO –  PRESENTAZIONE a cura di Arca Azzurra Teatro

Con questo lavoro Ugo Chiti riprende il ricco filone di riscritture di classici per Arca Azzurra che ha visto messe in scena di grande impatto e di straordinario successo, a partire dai due testi tratti dal Decameron di Boccaccio, fino alla Clizia machiavelliana, e ai testi su l’Amleto e la Genesi, lavori che costituiscono vere e proprie punte di diamante nella storia della compagnia.

Chiti innesta le vicende dei grandi classici nel linguaggio, forte, crudo, e a volte comicissimo che gli è proprio e che diventa tutt’uno con le sue regie, scavando al fondo delle psicologie dei personaggi anche grazie alla assoluta corrispondenza dell’uso che fa della parola teatrale con il procedere delle sue messe in scena, del suo lavoro con gli attori, da quelli che hanno con lui una storia ormai più che trentennale ai giovani che di volta in volta sceglie per i suoi personaggi e che sa inserire mirabilmente in questo contesto di forte conoscenza e solidarietà tutta teatrale tipica dell’Arca Azzurra.

E anche nel caso di questo Avaro molieriano, anche grazie all’apporto del “primattore” Benvenuti, pur seguendo con grandissimo rispetto la vicenda, i tempi e la lettera del grande classico, il testo della riscrittura si plasma e si radica nel corpo degli attori della compagnia che del lavoro con il loro dramaturg fanno ancora la principale e la più intensa delle loro esperienze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *