venerdì, Novembre 22, 2019
Home > Cultura e Musica > NICE PIANA, POETESSA DEL COLORE

NICE PIANA, POETESSA DEL COLORE

di Giorgio Siri

Ancora un paio di giorni per la mostra, presso la “Casa delle Arti” di via dei Seirullo, ad Albisola, di Nice Piana. Già insegnante di lingue, estrosa e vivace scrittrice oltre che pittrice, Nice Piana aveva frequentato, da studentessa, l’Accademia ligustica di Belle Arti.

Nella pittura di Nice Piana si nota un’ispirazione fresca, spontanea, un occhio che sa stupirsi di fronte allo spettacolo che il mondo offre, cogliendo i lati panici delle manifestazioni naturali, come in “Paesaggio invernale” del 2010, oppure le sfumature immediate e suadenti che una vena lirica, che si rivela propria dell’autrice, sa mettere in evidenza, come in “Casolare di campagna” .

Insieme, nella pittura di Nice, oltre a tale schietta volontà di dover, a tutti i costi, esprimere la propria veduta, si nota l’apporto che l’artista ha indubbiamente ricevuto nelle esperienze di studio. L’opera di Nice, estemporanea e figurativa, la potremmo inserire nel filone della tradizione vedutistica ligure – Discovolo, Verzetti – o piemontese – Delleani, Falchetti, Roda – per citare qualche nome che l’autrice, nell’afflato della contemplazione della natura e del paesaggio, sembra richiamare. Con l’impressione, significativa e persistente, di ricordi personali, fra la campagna piemontese e la Liguria, sia marina che di entroterra, che dell’artista costituiscono il riferimento biografico, per i periodi trascorsi presso Ovada, staccando dalla famigliarità consueta con l’ambiente ligure.

Nice Piana ama anche il ritratto, con immagini un po’ “retrò” se vogliamo, che mantengono, in ogni caso, e proprio per quello forse, il fascino particolare di immagini di ragazze di una volta, di una femminilità discreta, in una freschezza giovanile un po’ “naif” seppur intensa – “Ragazza con ventaglio”, 2007 – .

Comunque Nice Piana, pur nelle primarie esternazioni che di lei si sono da più parti sottolineate, di sensibilità, di serenità, di contemplazione stupita della bellezza della natura e del paesaggio, rivela il possesso di una tecnica dalla pennellata essenziale e densa, espressionistica e forte, capace di ricordare certe sfumature che possiamo osservare nella pittura del grande pittore svizzero Ferdinand Hodler o del pittore ligure che prima, a proposito, si è citato, ovvero Libero Verzetti.

Fanno parte dei soggetti cari all’autrice le nature morte,sospese, similmente, fra un’espressività cromatica incisiva ed una tenerezza contemplativa. I fondali marini denotano poi, ancor più, una vena fantastica, fiabesca, ben consona alla scrittrice di racconti per l’infanzia!

Emerge, da quanto precede, un profilo dell’artista che non si esaurisce con la pur pertinentissima osservazione di Claudia Ghiraldello: “I paesaggi di Nice sono coinvolgenti ed invitano il riguardante ad entrarvi, a farne parte. I fiori, gli alberi, l’acqua, la terra, il cielo parlano di serenità, anelano alla serenità….” ed invita a percepire, della pittrice, una complessità dai riferimenti simbolisti – “La cascata”, 2011 –, dalle ansie cromatiche e formali che, nella contemplazione dei paesaggi di campagna, cercano la calma e l’approdo sicuro. Quando invece non emergono in modo dirompente in vedute urbane dalle drammatiche visioni – “Guerra” – oppure in una inquietante, vertiginosa veduta di un paesaggio urbano e industriale, che ricorda certe periferie di Sironi, con uno sguardo ancor più angosciante, si oserebbe dire, o le città incombenti e terrifiche del milanese-cellese Guglielmo Spotorno ed allora ci si renderebbe conto di quanto il pensiero di Nice Piana volga alla turbata problematicità, senonché il colore, l’amato colore sembra rappresentare sempre, per lei, il riflesso di una narrazione intensamente poetica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *