martedì, settembre 26, 2017
Home > Attualità > AVVISTAMENTI UFO A SAVONA

AVVISTAMENTI UFO A SAVONA



di Giorgio Siri - 19 maggio 2017, 11:03

Il Team  di lavoro savonese del Gruppo Italiano Studi Ufologici ha presentato, a fine aprile scorso, un episodio di avvistamento avvenuto nella Provincia di Savona, nell’estate nel 2016. Il protagonista  ha scelto di restare anonimo.Di seguito la testimonianza: “Ero sul balcone a godermi il tramonto e un pò di aria fresca, come faccio tutte le sere prima di rientrare in casa, solo che in estate, ovviamente, resto anche fino mezzanotte/l’una, fumo una sigaretta e mi gusto il panorama. Poi, mentre pensavo alla bellezza della natura e guardavo verso i monti, ho visto come accendersi di colpo una forte luce. Era enorme, considerando la distanza tra me e i monti, circa 20 chilometri, era nitidamente rotonda tra il bianco e giallo. Sembrava come vibrare pur restando nello stesso punto, mi sono guardato attorno per capire se fosse un effetto del sole che tramontava, ma il sole era oramai ben oltre i monti verso Vado Ligure e non illuminava più la vallata opposta. Qualche anno fa avevo letto di un altro episodio simile, sempre sui monti che portano al Beigua. Lì per lì, sono rimasto perplesso, tenuto conto che in quella zone non c’è nessuna costruzione, poi, anche per evitare di non essere creduto, ho preso la macchina fotografica per fare degli scatti e realizzare un video”. 

Spiegano dal G.I.S.U.: “Il racconto è estremamente interessante, come lo sono sia gli scatti, sia il filmato che tutto il team ha visionato. Abbiamo deciso di svelare solo oggi questo evento poiché, in questi sette mesi, abbiamo voluto constatare se fosse apparso qualcosa o se, in determinate condizioni durante il tramonto, vi fosse la possibilità di rivedere quella luce per poi appurare se dipendeva dal sole o altro. Purtroppo il risultato è stato negativo”.

“Esaminando il filmato, l’impressione che abbiamo è che sembra sprigionarsi una forza che illumina il punto in questione, non solo luce luminosa. Tale fenomeno ricorda un evento simile ripreso da una cam in Giappone il 16 novembre 2011, dove una forte fonte luminosa era apparsa su un monte. Abbiamo verificato se davvero vi fosse stata una segnalazione verso il Beigua di una luce sul monte e abbiamo trovato qualche articolo che confermava il racconto, anche se, è bene precisare che il Beigua si trova molto più a sinistra dall’avvistamento e molto distante dal punto esaminato e dalla prima segnalazione”.

“E’ pur vero che la distanza tra la fonte luminosa e il testimone è elevata, probabilmente anche oltre i 30 chilometri. Sia per il caso del Giappone che per questo che in qualche modo sono similari tra loro, potremmo indicare che ci siamo trovati di fronte a un portale extraterrestre. Non dimentichiamo che a Genova vi fu il caso di Zanfretta, il metronotte rapito dagli alieni a Torriglia, dove apparve, secondo lo stesso Zanfretta un portale o un qualcosa di simile” conclude il G.I.S.U.

Nel corso dell’anno 2016, quando, a novembre, si tenne a Savona il primo Convegno ufologico unito, sono stati numerosi i casi di avvistamenti segnalati nel savonese, a volte eclatanti, come quello riportato e come un altro del giorno 11 ottobre, in cui si è fotografato, da parte degli esperti del “Cufom”, Centro Ufologico mediterraneo”, un oggetto metallico e luminoso, che sarebbe comparso mentre si stava osservando la Luna.

Ricordiamo, fra le curiosità contestuali, una delle testimonianze più straordinarie di “incontro ravvicinato” con gli alieni, ovvero quella riportata da Rosa Lotti Dainelli, una contadina che,  il primo novembre 1954, a Cennina di Bucine, presso Arezzo, ne sarebbe stata protagonista e vittima essendole stato sottratto, da due presunti astronauti cosmici, un paio di calze mentre le si restituirono i fiori che, inizialmente, i due le avevano pure preso di mano : l’episodio fu molto ripreso allora dai media, con tanto di illustrazione sulla Domenica del Corriere. Fra ottobre e novembre 1954 è impressionante il numero di avvistamenti in Italia, tra i quali uno, passato alla storia, del 27 ottobre, a Firenze, in cui venne osservata una quantità di oggetti luminosi in formazione, che avrebbero rilasciato anche una sorta di filamento che viene chiamata, dagli ufologi, “bambagia silicea”.

Rosa Lotti Dainelli  (1914 – 2006), non smentì mai la sua testimonianza!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *