sabato, Maggio 25, 2019
Home > Attualità > 8 marzo in Arte

8 marzo in Arte

Numerose le esposizioni d’arte nella ricorrenza dell’8 marzo in corso, ne sono spesso protagoniste artiste donne, a dimostrazione del considerevole apporto femminile all’Arte. Particolarmente prestigios,o per gli artisti savonesi, l’evento- mostra “Art vs Cancer&violence” ,che è stato inaugurato giovedì 7 marzo 2019 al Jefferson Hospital di Philadelphia, esposizione ideata e promossa dall’agenzia di comunicazione Punto a capo in collaborazione con l’Associazione Visioni e Qui arte, con il patrocinio nazionale di LILT Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, del Consolato Generale d’Italia a Philadelphia, Provincia di Savona, Comune di Savona, Comune di Quiliano, Telefono Donna, SIULP, Metakoinè, Asl2, Lions International, BNI, Zonta, American Italy Society di Philadelphia AISPHILA, Donne Inquiete, Parole Ostili; Media Partner MoreNews; Main Sponsor Give Back Beauty operatore internazionale nel mondo della bellezza per favorire e far crescere progetti interculturali di alto valore sociale e culturale in tutto il mondo.

La mostra ha ricevuto consensi e partnership da parte di istituzioni culturali sia italiane che americane, e si terrà in una sede della Jefferson University, presso il  Kimmel Cancer Center. Presenti all’inaugurazione il console Pier Forlano e il prof. Ignazio Marino pioniere nei trapianti di fegato (già sindaco di Roma) che fanno parte del gruppo di coordinamento della mostra.

A conclusione dell’evento le opere saranno vendute e metà del ricavato sarà devoluto al Jefferson Hospital.

Al centro della mostra i temi de dolore e della violenza, vissuti in silenzio dalle donne, purtroppo sempre al centro dell’attenzione, come dimostrano ancora recentissimi fatti di cronaca, proprio di ieri .

Partecipano all’esposizione 24 artisti selezionati da QuiArte in una collettiva sulla quale così si esprime Monica Brondi, curatrice dell’evento e della comunicazione della mostra: “Aprire gli occhi, nel senso di acquisire consapevolezza della propria situazione è il primo fondamentale momento in cui inizia il processo di recupero e di rinascita delle donne che sono state vittime di violenza o che hanno subito la malattia senza poterla curare o fronteggiare: è questo il senso del messaggio e dell’immagine di questa esposizione, che con un’immagine molto forte di un grande occhio di donna spalancato, è diventata il motivo conduttore della mostra. vuole ssere per una donna un sopruso, un’umiliazione, una violenza famigliare oppure la notizia raggelante di essere affette da una grave malattia, come il cancro. Siamo orgogliosi che questo progetto, nato nell’ambito di una campagna di comunicazione che abbiamo creato per l’Associazione Telefono Donna e in corso nelle scuole della provincia di Savona, sia giunto con successo negli Stati Uniti con il duplice intento di unire sensibilizzazione su temi sociali importanti e la valorizzazione della creatività italiana. Abbiamo già ricevuto manifestazione di interesse a replicare la mostra anche a New York. Ringraziamo tutte le realtà che hanno sostenuto l’iniziativa e l’hanno resa possibile”.

“Nessuna donna deve essere lasciata sola di fronte a violenze fisiche o psicologiche, proprio dalle persone che, più di tutti, dovrebbero amarla e proteggerla” aggiunge Luciana Bertorelli Vice Presidente di QuiArte “La mostra si articola attraverso le opere di 24 artisti contemporanei, che raccontano con codici stilistici differenti attraverso pittura, ceramica ed arte digitale tutta la sofferenza, le ferite ma anche la forza e la voglia di rinascere della Donna Questa mostra è il nostro modo di celebrare la Festa internazionale della Donna”. Ad esporre sono Luciana Bertorelli, Claudio Bellino, Bluer, Rossella Bisazza, Valeria Bucefari, Enrica Capone, Cecilia Cavicchini, Maria Paola Chiarlone, Rosalina Collu, Gabry Cominale, Nicoletta Conio, Laura Di Fonzo, Carmen Dragone, Rosanna La Spesa, Cristina Mantisi, Caterina Massa, Veronique Massenet, Giovanni Massolo, Ingrid Mijich, Fiorenza Orseoli, Monica Porro, Nenne Sanguineti Poggi, Gabriella Soldatini e Wildago.

L’evento e la mostra sono visibili on line con video, contenuti e immagini, attraverso il sito artvscancerandviolence.com. 

ROSANNA LA SPESA A FILADELFIA

Abbiamo avuto occasione di scrivere, sulle nostre pagine, in varie occasioni, su parecchi degli artisti presenti all’esposizione, che meriterebbero, tutti, un approfondimento; ci soffermiamo su Rosanna La Spesa, che il 24 febbraio scorso ha concluso una propria coinvolgente personale e retrospettiva, su cui ritorniamo specificamente a brevissimo termine. Rosanna spesso intende attribuire alla sua opera, oltre al resto, un intento di impegno civile; è uno dei lati affascinanti della sua personalità, che pare contesa, apparentemente, fra la volontà di comunicare un messaggio di carattere sociale ed umano e la ricerca estetica e poetica dei segreti di una natura sublime o prossima di cui facciamo intimamente parte e che di noi stessi è parte a sua volta; quanto l’acqua, la terra, il vetro, risultato di fusione di elementi, siano presenti e protagonisti del lavoro dell’autrice, lo dicono le sue opere.

Commentiamo in immagine l’evento di Filadelfia con un particolare dell’opera esposta da Rosanna La Spesa, che fa’ parte del ciclo di “Samia” , atleta somala annegata in un tentativo di raggiungere l’Italia, al centro, qualche anno fa, di una mostra a Pozzo Garitta ad Albisola. La narrazione artistica della vicenda di Samia abbraccia gli intenti dell’autrice per l’intensità espressiva e la voce di denuncia, strettamente legate, e, in questo volto che ha qualcosa di ancestrale e attuale, rivela la forza e la delicatezza che Rosanna è maestra nel combinare!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *