domenica, ottobre 22, 2017
Home > Rubriche > Poesie > La poesia della settimana

La poesia della settimana


Cacciou e selvaginn-a di Giancarlo Bolla


di Redazione - 7 ottobre 2017, 10:00

CACCIÔU E SELVAGINN-A

O mette mâ capî, perché do sesso

a donna a se ne deve vergognâ,

mentre l’ommo dell’argomento stesso

liberamente o se ne pêu vantâ.

A donna, ch’ a no l’é faeta de gesso

se a fâ l’amô a vegne criticâ,

mentre l’ommo ch’ o fâ e o l’ inventa spesso,

o diventa cacciôu e o pêu sparâ.

se pe’ o cacciôu l’ e ‘n vanto, abbatte a preda,

perché pe’ a selvaginn-a, meschinetta,

a l’e n’infamia cazze anche pe’ sbaglio?

A l’è a solita stoia do cacciôu

che o ciù de votte a spara e o fâ cilecca

e o no’ l’ammette mai d’avei sbagliôu.

Giancarlo Bolla

La traduzione

CACCIATORE E SELVAGGINA

Mette male capire perché del sesso

La donna se ne deve vergognare,

mentre l’uomo, dell’argomento stesso

liberamente se ne può vantare.

La donna, che non è fatta di gesso,

se fa l’amore viene criticata,

mentre l’uomo che fa e inventa spesso

diventa cacciatore e può sparare.

Se per il cacciatore è un vanto abbattere la preda

Perché per la selvaggina meschinetta,

è un’infamia cadere anche per sbaglio?

E’ la solita storia del cacciatore

Che il più delle volte spara e fa cilecca

E non ammette mai di aver sbagliato.

Giancarlo Bolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *