sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > L’onorevole Anna Giacobbe sulle opportunità per l’area di crisi

L’onorevole Anna Giacobbe sulle opportunità per l’area di crisi

L’onorevole Anna Giacobbe, deputato PD, al termine dell’incontro tenutosi ieri, 26 settembre, in Regione, con Invitalia – Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. -, così si è espressa:”Con l’incontro di ieri delle istituzioni locali e della Regione con Invitalia sono state avviate le procedure per conoscere le disponibilità di aziende ad insediarsi nell’area di crisi. Era un passaggio importante. Non può essere solo una fase burocratica: al sistema delle imprese, alle forze sociali, spetta un compito sostanziale di verifica e valutazione delle opportunità che si possono creare; il coinvolgimento delle istituzioni nazionali serve ad avere un punto di osservazione non solo locale, la visibilità su interessi industriali in un ambito molto più grande, da attirare nel nostro territorio”. Ha poi continuato:”Vanno identificati i – punti di gravità – attorno ai quali ruoterà la ricerca di manifestazioni di interesse: lo sviluppo delle attività portuali e di ciò che possono generare, la presenza del polo universitario e delle competenze nel campo dell’innovazione nella produzione di energia, un patrimonio professionale che non si è ancora disperso, nonostante tutto”.

“A proposito di questo, non è meno importante avere definito le procedure per la proroga della mobilità per i lavoratori. E’ il frutto di un intervento con cui nei mesi scorsi (con la cosiddetta -manovrina-, approvata dal Parlamento nel giugno 2017) abbiamo posto rimedio ad un limite evidente degli strumenti per le aree di crisi: che si potessero prorogare solo gli ammortizzatori sociali di chi ha ancora una azienda si riferimento. Abbiamo previsto che le risorse già attribuite alle Regioni per la concessione della Cigs possano essere destinate alla prosecuzione del trattamento di mobilità in deroga, per -i lavoratori delle aree di crisi industriale complessa e che alla data del 1° gennaio 2017 risultino beneficiari di un trattamento di mobilità ordinaria o di un trattamento di mobilità in deroga-.La Regione Liguria ha finalmente avviato le procedure affinché le persone interessate possano accedere a questa misura” ha concluso l’onorevole Giacobbe.
Ricordiamo che l’area di crisi industriale complessa del savonese comprende i Comuni liguri del Sistema Locale del Lavoro di Cairo Montenotte e i Comuni di Vado Ligure, Quiliano e Villanova d’Albenga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *