domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Sport > Calcio > “A Bordocampo” Il derby Savona – Albissola

“A Bordocampo” Il derby Savona – Albissola

Un luogo comune recita: “I derby sono partite a sé”. E anche questa volta nessuna eccezione. Volti apparentemente rilassati, ma con una tensione che si percepisce chiaramente. Non c’è astio tra le tifoserie. i cori sono dediicati tutti alla propria squadra. Non ci sono sfottò. Ecco, da questo punto di vista una piccola eccezione c’è. Gli arbitri vogliono il documento. Non accade spesso. La terna si presenta già molto fiscale. Nessun problema.Meglio così. Di solito non parlo della partita, lascio questo compito ad altri, ma per questa devo gioco forza fare una eccezione, vista l’importanza di quello che è successo. Un rigore contestato. Le proteste ci sono, come sempre, ma questa volta sono molto insistenti e i giocatori sono veramente arrabbiati. Non entro nel merito dell’episodio, già ampiamente documentato da tutti i media. Vorrei solo evidenziare un fatto che mi ha colpito. Questi ragazzi, al di là della loro provenienza e della loro fede calcistica, quando subiscono una decisione che ritengono sfavorevole, fanno capire di avere un attaccamento alla squadra che va oltre a contratti e compensi. Tra il primo e secondo tempo, prima di entrare negli spogliatoi, la rabbia agonistica traspare da volti e parole. Alla fine della partita, un giocatore, un ragazzo si accascia per terra. Piange, non si vuole alzare. I suoi compagni lo consolano tutti chini su di lui. E’ un episodio che fa riflettere. Un modo di trovare il lato positivo di un momento triste. Lo spirito di squadra.

Il derby finisce così. Come sempre c’è chi esulta e chi si dispera. LìAlbissola è in testa alla classifica di serie D. Il Savona non distante dai play off. Come sempre, vinca il migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *