mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Sport > Calcio > “A BORDOCAMPO”: Savona- Sestri Levante

“A BORDOCAMPO”: Savona- Sestri Levante

La giornata è splendida. Il vento fa cantare la bandierina del calcio d’angolo. Giornata importante. Sono accanto ai dirigenti del Savona. I volti sono sereni, nonostante la posta in palio sia fondamentale. Gli ultimi risultati non hanno scalfito il buonsenso di chi sa che il calcio è imprevedibile. Raccomandazione ai raccattapalle di non palleggiare durante la partita. Arrivano tutti e si comincia. Il capitano mi saluta come sempre. Si comincia. C’è una contestazione della tifoseria che sta in silenzio. Si avverte le mancanza dei cori. Guardo i ragazzi. Volti da ventenni, anche meno. Si intuisce l’impegno. Il guardalinee mi guarda per un attimo. Forse sono troppo vicino alla linea di gioco. Arretro di un metro. Un dirigente della squadra avversaria mi chiede gentilmente qualche foto. Ha un volto sorridente. Aggiunge: “comunque vada” e: “anche noi non siamo proprio in paradiso”. Arriva il gol del Savona. Bacigalupo, l’autore, esulta verso di me insieme a molti suoi compagni. Una liberazione. Mister Chezzi, urla di gioia, ma dopo poco il rigore contro. Sento un “non ci credo”. In molti mi chiedono se la decisione sia giusta. Cito Boskov: “rigore è quando arbitro fischia”.
SECONDO TEMPO
I tifosi del Sestri, cantano “siamo venuti per i tre punti”. Ma il Savona segna di nuovo.
Grandi proteste per un presunto fuorigioco. L’arbitro consulta con lo sguardo il guardalinee che fa “no” col dito indice. Ma le proteste che tutti sanno inutili, continuano.
Brutto fallo e il portiere del Sestri viene espulso. Ancora proteste, inutili come prima.
Il Savona segna ancora. Partita finita. Manca il solito festeggiamento con parte dei tifosi a fine partita, ma vedo negli occhi dei ragazzi una determinazione e la speranza di un cambio di rotta. Qualcuno dice: “salutiamo loro che ci stanno applaudendo” rivolgendosi ad una parte della tribuna che gli batteva le mani. Al rientro incontro amici e tutti: “finalmente”. Dopo cinque sconfitte la vittoria ha un sapore migliore. L’osservatore dell’arbitro mi chiede dov’è la sala stampa. Vado lì anch’io e lo accompagno. Alla prossima tra sette giorni; un altro derby: Albissola Finale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *