mercoledì, Gennaio 22, 2020
Home > Attualità > A Carcare, cresce la domanda di sicurezza tra i cittadini

A Carcare, cresce la domanda di sicurezza tra i cittadini

La crescente domanda di sicurezza, da parte dei cittadini di tutta la valbormida, anche di Carcare, è direttamente legata alla recente proliferazione di casi di furto in appartamento manifestatisi negli ultimi 6 mesi dell’anno.

Nel corso di un’assemblea programmatica, il Comitato elettorale Oltre ha formulato una serie di proposte in tema di sicurezza cittadina, alla luce dei cambiamenti in corso nel contesto sociale quotidiano, il punto centrale si focalizza sull’urgenza di strutturare con maggiore modernità la funzione della Polizia Locale, adeguandola agli standard di metodologie professionali dei centri abitati maggiori, ovvero puntando sulla priorità di una gestione associata tra i Comuni del comprensorio con una centrale operativa unica, cui deve seguire contestualmente la modernizzazione degli strumenti e delle dotazioni per svolgere il servizio.

L’avvocato Alberto Bonifacino e Christian De Vecchi, fondatori del comitato Oltre, sono molto chiari nel contestualizzare la fattispecie: “Stiamo parlando di un servizio intermunicipale di Polizia Locale gestito in forma associata tra tutti Comuni Valbormidesi, orientato ad una modernità di servizio con una maggiore specializzazione professionale nel controllo del territorio, con una contestuale modernizzazione degli strumenti a disposizione per svolgerlo. Un’unica centrale operativa per tutti i Comuni anche nell’ottica del risparmio economico ma con una maggiore qualità dei servizi di polizia preventiva e repressiva.” Obbligatorio andare oltre: “Superare l’attuale idea del vigile urbano come operatore per regolamentare il traffico cittadino, o come esecutore di multe per divieto di sosta, l’inquadramento professionale dovrà essere quello di una figura con un’operativa più consona alla realtà di indagine richiesta da un critico contesto sociale.”

Oggi Carcare ha un servizio di polizia municipale gestito in convenzione con i Comuni di Cairo Montenotte e Altare cui pare si aggiungerà anche il Comune di Cosseria e in forma distrettuale si concorrerà per la ricerca di finanziamenti pubblici presso la Regione e il Ministero per potenziare le dotazioni di servizio, come era già avvenuto in occasione dell’ottenimento dei finanziamenti per la rete di telecamere cittadine.

Discorso a sé, è quello della collaborazione tra le Polizie Locali e le altre Forze dell’Ordine attive sul territorio, ovviamente necessaria, a dire di Bonifacino e De Vecchi, i quali si sono soffermati anche sul ruolo di collaborazione attiva da parte della cittadinanza: “Oggi più di prima un ruolo attivo dei cittadini è fondamentale, attraverso dei “Gruppi di Segnalazione” o di Volontariato si possono raggiungere risultati di controllo del territorio da non trascurare o sottovalutare, se ovviamente tale spontanea attività è inserita in un percorso di condivisione con le locali forze dell’ordine, polizia locale compresa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *