Attualità

A Celle, festa di San Bastian dal mare…al monte

A Celle rivive ormai pienamente, da alcuni anni, la festa rionale di San Sebastiano, “San Bastian”, che da’ il nome a “Celle di Ponente”, ovvero via Bernardo Arecco e dintorni, dove si trovava la chiesina di San Sebastiano, sino agli anni 1930, quando il parroco Don Tardito, coi fabbricieri della Parrocchia, si piegò alle direttive del Podestà e della Giunta municipale, che premevano per la demolizione del cinquecentesco oratorio votivo, edificato per lo scampato contagio di una pestilenza, da tempo adibito a magazzino e ritenne più conveniente incassare le cinquemila lire di
indennizzo. Fu il motivo per il quale, forse un po’ ingenerosamente, Silvio Volta, nella sua “Commedia cellesca”, spedì Don Tardito all’Inferno cellese!

Riveve in grande la festa rionale pertanto, un tempo limitata alla Messa all’Asilo AIcardi ed alle frittelle successive. Ora invece, oltre la funzione religiosa nella piazzetta San Sebastiano, bancarelle, estese alla passeggiata sino al centro di Celle, banda, rintocchi, ormai quasi di tradizione, della campana che appartenne allo scomparso edificio di culto, senza rinunciare alle attese e sempre gradite frittelle. Quest’anno, dal mare…al monte, la Corale alpina Monte Greppino si è esibita con la solita, toccante, bravura. La preghiera a San Sebastiano è stata letta dagli agenti dela Polizia Locale, di cui San Sebastiano è patrono ed il ricavato per le frittelle sarà devoluto all’Ospedale Gaslini di Genova alla memoria della giovanissima Giorgia Damonte, scomparsa domenica 14 gennaio scorso, commuovendo tutta Celle!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: