sabato, Agosto 17, 2019
Home > Cultura e Musica > A CELLE LIGURE RICORDO DI UNA MANIFATTURA ARTISTICA

A CELLE LIGURE RICORDO DI UNA MANIFATTURA ARTISTICA

di Giorgio Siri

Evento interessante e tutto cellese, sabato scorso 15 ottobre, a Celle Ligure, presso il Bar Aonda! E’ stata apposta, all’ingresso del bar, dalla parte di via Aicardi, una targa commemorativa dell’uso cui era adibito il locale da fine ottocento sino al 1950: un laboratorio in cui i maestri Gerolamo Mordeglia (1868 -1947) e Leonardo (Leo) Mordeglia (1898-1969), padre e figlio, entrambi noti come organisti, pianisti, direttori di banda e d’orchestra, svolsero quella che risulta essere stata la loro fondamentale attività, quella di organari, di costruttori di organi.

Da quella bottega provengono gli organi (per quanto concerne la parte strumentale) delle Chiese cellesi di Nostra Signora di Consolazione,realizzato nel 1905, e della Chiesa Parrocchiale di San Michele Arcangelo, costruito nel 1912. Si deve invece a Pietro Asinelli di La Spezia l’organo, risalente al 1889, dell’Oratorio di San Michele.

L’idea della manifestazione si deve a Giuseppe (Pino) Pinghelli, marito di Rosa Mordeglia, diretta discendente del maestro Gerolamo, figlia di Leo.

Occorre precisare che la famiglia Mordeglia si era imparentata con la famiglia Olmo poiché Anita la sorella di Giuseppe (Gepin) Olmo, aveva sposato Leo Mordeglia. Spettò ai fratelli Mordeglia – Gerolamo, omonimo del nonno, scomparso un anno fa – gestire lo storico stabilimento, produttore della “biciclissima”, fondato dal celebrato campione di ciclismo Gepin, detentore di vari titoli, tra cui la seconda posizione, subito dietro Bartali,al giro d’Italia del 1936.

Pino Pinghelli, oggi ottantenne, padre di due figlie e tre volte nonno,è stato direttore dello stabilimento Olmo di Seregno – produzioni poliuretaniche – , nipote dello scrittore Antonio Pinghelli, suo zio, ha voluto così proporre all’attenzione del paese e dei cellesi, un singolare aspetto della storia e della cultura di Celle, che coinvolge, per quanto detto, l’altra grande storia cellese legata a Gepin Olmo.

Dalla Bottega Mordeglia passarono vari musicisti tra cui Francesco Cilea (1866 -1950), operista, di lui sono famose Adriana Lecouvreur e L’Arlesiana, legato anche a Varazze, dove morì, nella bella villa che tuttora ne custodisce i ricordi, non lontano da Santa Caterina.

Sabato, ben rappresentate le famiglie Olmo, Mordeglia, Pinghelli e con la presenza di un buon numero di visitatori, ha invece partecipato al pomeriggio di ricordo un altro personaggio legato alla musica, il cantante e paroliere Memo Remigi, amico personale della famiglia Pinghelli,volto conosciutissimo dello spettacolo italiano, il più noto interprete della celebre “Innamorati a Milano”, che, alla testiera di un bianco pianoforte a mezza coda, ha ripercorso le tappe più salienti della sua carriera, ormai pluridecennale, dimostrandosi il simpatico e brillante showman che l’età, portata con disinvoltura e che qui non precisiamo, non appanna!

I gestori ed il personale del bar hanno servito un buffet più che ricco che si è esteso anche al dehor del locale, aperto dalla parte di Piazza del Popolo, in fronte alla Passeggiata ed al litorale.

E’ stata distribuita una breve monografia, dal titolo “Due generazioni di organari”, curata da Pino Pinghelli, con la collaborazione di Michele Manzi, di Pierino Ratto,di Gianluigi Bruzzone, che ricorda l’attività dei maestri Mordeglia ed illustra storia e caratteristiche degli organi di Chiese di Celle e dei dintorni con uno sguardo particolare agli organi di cui i Mordeglia furono autori.

La targa commemorativa ricorda anche un altro dei nipoti di Leo Mordeglia: Gigetto Badino, anch’egli musicista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *