domenica, Novembre 17, 2019
Home > Attualità > A Ceriale: Concerti “con poca armonia”

A Ceriale: Concerti “con poca armonia”

Abbiamo stamattina riferito il singolare episodio del concerto di Cristiano De Andrè, a Ceriale, col pubblico inizialmente mancante e poi all’improvviso comparso, su invito dell’artista che si esibiva, la cui unica ragione a sostegno è di aver espresso dubbi sul costo del biglietto, di ben 35 euro, che gli organizzatori dell’evento non hanno avuto alcuna remora a richiedere e soprattutto non si sono minimamente posti la logica domanda se un tale prezzo d’ingresso non potesse essere ritenuto eccessivo persino dai fans più ferventi di Fabrizio De Andrè, coloro per i quali non sono mai troppe le vie , le piazze, le passeggiate, le calate ed i plessi scolastici dedicati al pur grande cantautore genovese, perchè sarà anche vero, come si legge su un sito, che “Un’intitolazione di una luogo pubblico ad un cantautore è qualcosa di moderno e di bello che regala fantasia, aggiunge qualcosa al paese in cui viviamo. I cantautori, come pochi, sanno andare diritti al cuore delle persone che ascoltano, raccontando in sintesi storie e favole che parlano dell’uomo, canzoni/opere d’arte di pochi minuti che ci fanno compagnia in qualsiasi momento della giornata”  e che Bruce Springsteen, il “boss”,  in “Surrender” canta – forse esagerando un po’ – : “We learned more from a three-minute record than we ever learned in school” (Abbiamo imparato più da un disco di tre minuti che da tutto quello che abbiamo studiato a scuola), ma 35 euro sono 35 euro!A parte ciò, il Comune di Ceriale non amerebbe molto la musica perchè, nel mese di luglio, si era giunti persino ad annullare un concerto di Antonella Ruggiero – a suo tempo la “voce” insostituibile dei Matia Bazar – che era considerato la manifestazione di punta degli eventi estivi.

Tanto che così si era espresso Rodolfo Sanna, del Meetup Ceriale in MoVimento: “Eventi che scompaiono, eventi organizzati che non sono citati nelle locandine e nelle brochure, quest’anno a Ceriale per quanto riguarda le manifestazioni c’è una confusione mai vista prima”Pessimo esordio per questa amministrazione relativamente alle manifestazioni, se è vero che il bando è stato eseguito alla fine del mandato della precedente amministrazione, le modifiche in corsa effettuate dai neo-eletti hanno creato una confusione ed un danno da mancato ritorno di immagine disarmanti.”

Si apprende che, sul sito e dalla pagina Facebook della cantante, si leggeva che il recital non era stato tenuto per motivi di sicurezza ma, sempre Sanna precisava che il concerto era andato a monte”...perché i commercianti della piazza lamentavano che durante gli spettacoli a pagamento la gente non entra nei locali a consumare, allora l’assessore Maineri ha deciso insieme a loro ed al resto della Giunta Comunale di preferire 3 eventi gratuiti in cambio di un nome di spicco quale Antonella Ruggiero.”

“Dal prossimo anno non ci sarà più questo problema – aveva controbattuto l’Assessore Eugenio Maineri – i concerti saranno in Pineta così non dovremo chiudere la piazza e i commercianti potranno organizzare le loro serate”.

E si ritorna all’annoso problema dell’estate ligure, quanto meno nei Comuni del Savonese: se non si tengono le manifestazioni, se non si cerca di invitare nomi di prestigio, non va bene; siamo i soliti liguri: “torta di riso o...”, siamo d’estate e non si fa niente, a Rimini invece e vedeste a Palma di Maiorca…Se le manifestazioni vengono invece tenute ed i calendari sono fitti di eventi non va bene lo stesso perchè la gente dorme, perchè si schiammazza sino a tardi, oppure, come nel caso, perchè qualcuno ci perde…” Ed a Ceriale la “Musica” è il caso di dirlo, non cambia!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *