lunedì, Gennaio 20, 2020
Home > Attualità > A Finale Ligure, direttiva Bolkenstein in consiglio comunale

A Finale Ligure, direttiva Bolkenstein in consiglio comunale

cabine mare

Le voci allarmate di Finale Ligure, in occasione di un punto all’ordine del giorno del Consiglio Comunale che riguardava la “Direttiva Bolkenstein”, valgono come paradigma  per l’atteggiamento verso quella normativa, da parte degli esercenti balneari.

Introdotta da Frits Bolkenstein, quando era Commissario Europeo per la Concorrenza e il Mercato Interno, la norma  è diretta alla libera circolazione dei servizi sul territorio comunitario, non è un provvedimento che riguarda le concessioni demaniali agli stabilimenti balneari, le quali sono coinvolte per l’automaticità con la quale, secondo il Codice della Navigazione italiano vigente, esse vengono affidate e che sarebbe in contrasto con la normativa comunitaria venuta a costituirsi! I “bagnini”, che si tramandano l’attività di famiglia da generazioni, dovranno partecipare ai bandi per il rinnovo delle concessioni, aperti però anche a tutte le altre Imprese, comprese grandi Società, il cui intervento è temuto dai gestori dei bagni marini.

La sala consiliare, per tale motivo, era gremita di pubblico come accade raramente. L’assessore Andrea Guzzi ha dichiarato che: “Il Sindaco e la Giunta si impegnano a rivendicare il diritto di chiedere, all’Italia e all’Europa una fase transitoria di adeguamento della legge che permetta di tenere conto dei grossi investimenti sostenuti da tante famiglie”.

L’assessore ha anche ricordato le cifre dell’economia balneare:“Oggi il turismo balneare è il 55% del turismo nazionale e il 70% di quello locale e costituisce il 7% del PIL italiano: nel 2011, ad esempio, l’indotto è stato di 45 miliardi di euro. Nel 2010 ha fatto registrare in Italia 540 milioni di presenze. Su 5.000 km di litorali italiani, di cui 4.000 balneabili, il sindacato (dei balneari)  stima un indotto di circa 100.000 bagnini e oltre 1.000 aziende coinvolte”.

Comunque, il dovuto sostegno alle tradizionali imprese balneari liguri e nazionali, non deve far dimenticare che la sentenza della Corte di Giustizia del 14 luglio 2016 ad un attento esame, come effettuato dallo stesso Sindacato Italiano Balneari, non era così sfavorevole. Infatti, se la Corte Europea ha negato la proroga automatica delle concessioni e quindi la dilazione sino al 2020, a suo tempo decisa dal Governo, con legge 228 del 2012, nel contempo la sentenza ammetteva di “riconoscere la necessità di tutelare il legittimo affidamento per le concessioni demaniali marittime se, al momento del rilascio, sia stata osservata una pubblica evidenza”, come si leggeva anche sul sito del Sindacato Italiano Balneari. In altre parole, pur nella determinazione di voler giungere all’applicazione della direttiva, la Corte di Giustizia Europea considerava con un certo riguardo le concessioni attualmente esistenti e teneva conto della necessità, da parte dei concessionari, di poter ammortizzare gli investimenti effettuati.

La sentenza demanda inoltre al Giudice nazionale la verifica della legittimità delle proroghe, quando appunto siano stati rispettati i requisiti di pubblicità richiesti e demanda pure al Giudice nazionale la verifica dell’ambito di applicazione della direttiva Bolkenstein, ovvero il riscontro della “Scarsità di risorse” cioè dell’effettiva porzione di demanio da affidare tramite asta pubblica e il Sindacato Balneari ha stimato che, in Italia, le attuali imprese balneari occupino solo il trenta per cento del demanio disponibile e pertanto non sussisterebbe il problema della “limitatezza delle concessioni”.

Il Sindacato Balneari auspicava che venisse presto varata una seria legge di riforma dell’uso del demanio. Impegno che il Governo si era assunto, emanando nell’immediato un” provvedimento ponte” e che si sperava e si spera possa giungere ad una definitiva regolamentazione della materia.

Poi, però, sono venute le bandiere inglesi esposte negli stabilimenti; l’atteggiamento della stampa nazionale, inoltre, sembra voler mantenere l’ allarmismo e sistematicamente rifiutare di chiarire tutti i lati della questione. Speriamo comunque che, in ogni caso, il clima di  dialogo non venga compromesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *