mercoledì, Luglio 17, 2019
Home > Attualità > A Pasqua discesa e processione del Cristo Risorto

A Pasqua discesa e processione del Cristo Risorto

di Redazione

Per la confraternita di san Domenico sotto il titolo del Cristo Risorto, la Pasqua, oltre a essere ovviamente fondamento della fede cristiana e solennità principale dell’anno liturgico, rappresenta di fatto anche la “festa patronale”, con i riti che riguardano la celebre statua. Il 26 marzo, sabato santo, dopo aver partecipato alla Veglia pasquale in Cattedrale, le “cappe bianche” si recheranno processionalmente in oratorio accompagnando il parroco don Silvio Delbuono e il vescovo Vittorio Lupi che presiederà la breve ma intensa cerimonia della discesa del Risorto. Nell’oratorio di via Aonzo, sempre gremito di fedeli, il priore, quest’anno Gianni Varaldo, proclama: “Resurrexit Dominus vere, alleluja!”. Quindi il Cristo, nella chiesa completamente buia e con il solo volto illuminato, lentamente discende fino al pavimento accompagnato dal tradizionale canto del Benedictus. Giunto a terra, dopo una preghiera guidata da monsignor Lupi, viene predisposto per il bacio del piede da parte dei fedeli. Domenica 27 marzo la processione, onorata sempre dalla presenza del Vescovo, del parroco e del celebrante le funzioni domenicali, don Lello Paltrinieri, partirà alle 9, accompagnata dalle note della Banda sant’Ambrogio di Legino che si intercaleranno con le preghiere guidate dal priore. Il percorso si articolerà per le vie del centro cittadino: via Mistrangelo, via dei Mille, via Brignoni, piazza Saffi, via Boselli, via Paleocapa quindi rientro in oratorio. La volontà degli organizzatori è ripetere l’esperienza degli ultimi anni: sosta in piazza Mameli, presso il Monumento ai Caduti, e preghiera accompagnata dal suono, straordinario per quell’ora, dei 21 rintocchi della campana come avviene ogni sera alle 18 in ricordo delle vittime di tutte le guerre. Al rientro, intorno alle 10, monsignor Lupi presiederà la solenne celebrazione pasquale concelebrata da don Silvio e don Lello. La statua del Cristo Risorto sarà a disposizione dei fedeli che volessero renderle omaggio fino al giorno dell’Ascensione, quando al termine della Messa, ancora accompagnata dal canto del Benedictus, verrà riportata nella sua nicchia posta sopra l’altar maggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *