giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Attualità > A proposito… della Svezia

A proposito… della Svezia

Settimane addietro la “Sette” ha proposto, il mercoledì sera, la serie di films, prodotta dalla televisione svedese, tratta dalla trilogia “Millenium” di Stieg Larsson, lo scrittore svedese nato nel 1954 e deceduto prematuramente nel 2004, noto, prima di divenire romanziere, per aver denunciato, soprattutto dalla rivista EXPO, da lui fondata, il diffondersi del razzismo e dell’estremismo di destra, e messo conseguentemente in guardia la società del suo Paese e del resto della Scandinavia, dai pericoli da ciò derivanti. Si sono infatti ricordate la sua personalità e la sua battaglia proprio nel tragico evento del terribile attentato messo in atto, l’estate scorsa, in Norvegia, dal fanatico Anders Breivik.

Ciò doverosamente ricordato, si sa che Stieg Larsson divenne noto al grande pubblico per i “thrillers” raggruppati nella serie “Millennium”, dai titoli “Uomini che odiano le donne”, “La ragazza che sapeva troppo”, “La regina dei castelli di carta”. Ho letto da qualche parte che la trilogia ha conosciuto un enorme successo editoriale, con traduzioni e pubblicazioni in trenta paesi e con otto milioni di copie vendute in Europa – delle quali due milioni e settecentomila nella sola Svezia – . Non entro molto nel merito di tale successo; a me la “trilogia” sembra un” noir” rispondente a molti dei luoghi comuni che tale genere può o deve comprendere: un giornalista un po’ maledetto ed un po’ eroe (Mikael Blomkvist), comunque in caccia di potenti che nascondono scheletri negli armadi, la giovane “hacker” intorno alla quale ruotano un po’ tutte le vicende, vittima di una società che non l’ha saputa o voluta proteggere e “giustiziera” (Lisbeth Salander), figure di criminali biechi e impuniti (il padre ed il fratellastro di lei), uomini d’affari coinvolti in scandali, personaggi di varia tipicità e di richiamo, come il giornalista omosessuale o l’avvocato perverso e sadico ma apparentemente rispettabile (Niels Bjurman, tutore di Lisbeth), l'”avvocata” coraggiosa e decisa (Annika Blomkvist, sorella di Mikael), il funzionario di polizia un po’ informale. Insomma,non mi convince granché pur se ho letto che il quotidiano francese Liberation ha definito i romanzi come una acuta critica alla società – Larsson in gioventù aveva accarezzava idee marxiste – cosi’ pure ho letto di elogi e di giudizi positivi di giornalisti specializzati e di critici cinematografici; ho appreso pure che in Svezia è stato conferito alla Trilogia un premio per le letteratura gialla. Esiste pure una “millennium-mania” che ha portato ad ideare, da parte di agenzie di viaggio, escursioni nei luoghi dove i romanzi sono ambientati, soprattutto Stoccolma. Ho letto inoltre che sono stati stroncati da uno scrittore di gialli come Carlo Fruttero. Ma ripeto, non è tanto cio che mi colpisce, quanto un’altra idea, un’idea della Svezia!

Suggestioni boreali….
La Svezia era un Paese di remota e fantastica percezione, per noi italiani ma penso anche per tanti altri europei. Per molti, qui da noi, una volta considerato che “là fa freddo”, forse la questione della Svezia era bella e finita seppure, di tanto in tanto, il più affascinante e noto dei Paesi scandinavi apparisse variamente sulla scena! A parte il premio Nobel, che non so quanti sapessero che lassù era stato istituito, probabilmente, via via che Greta Garbo diveniva sempre più nota, si venne a sapere che era svedese, anzi il suo vero cognome, certamente meno suggestivo dello pseudonimo d’arte, era Gustafsson; poi un’altra bellezza svedese irruppe prepotentemente sugli schermi con la “Dolce vita” di Fellini ed il nome di Anita Ekberg venne da allora associato ad un indimenticabile, fantastico bagno notturno nella romana Fontana di Trevi, che avrà fatto sognare migliaia di uomini! Ed allora qualcuno avrà cominciato a pensare che questo Paese lontano e freddo era una terra di donne bellissime ed irraggiungibili! In seguito, la vecchia, bella televisione degli anni 1960 propose un ciclo dedicato al grande Ingmar Bergman, curato da colui che è divenuto il più illustre dei critici cinematografici italiani, tuttora vivente, ovvero Gian Luigi Rondi.
Era il 1968, andavo per i dieci anni ed i films di Bergmann mi facevano paura! Non erano per bambini e del resto io non ne carpivo che qualche scena! Le proiezioni della lanterna magica in quel capolavoro che è “Il volto”, gli incontri del Cavaliere con la Morte nel “Settimo Sigillo”, l’anziano signore che sogna di scoprire sé stesso defunto in una bara che cade al suolo nel “Posto delle fragole”, forse turbarono i miei sonni di allora più di quanto non li avrebbe turbati la Ekberg, in altro modo ovviamente, la prima volta che ebbi l’occasione di vedere la “Dolce vita”, in seguito, nell’età in cui ero in grado di apprezzare, spero, il cinema e quindi tutti e due i grandi registi che ho citato!
Forse però, fu proprio l’atmosfera dei films di Bergmann percepita immaturamente negli anni dell’infanzia, prima di conseguire quindi qualche capacità di giudizio (ritengo), ad influire sull’immagine della Svezia che mi ero costruito. Frequentavo la quarta elementare e si studiava la geografia dell’Europa, pertanto si imparava qualcosa di tutti gli altri Paesi del nostro Continente. Poi c’era l’enciclopedia “Conoscere” a divulgare notizie ed immagini ed allora, mettendo insieme le letture geografiche con le impressioni, seppur vaghe, che mi lasciava Bergmann, l’affascinante Paese nordico mi si delineò, più o meno, nell’apparenza fissa, ed anche un po’ stereotipata, che per lungo tempo ne ho serbato. Una contrada di estese e scure foreste, di città immerse in una luce rarefatta, di persone compassate e pensose, con ragazze che si mettono le candele in testa non so bene in quale circostanza, figlie di donne dalla bellezza algida, come quella della loro Patria. In più sentivo dire da papà che la Svezia era una stato ordinato e di elevato benessere, merito di un re che andava d’amore e d’ accordo con un governo socialista e di una neutralità che, da moltissimo tempo, aveva tenuto il Paese lontano dalle guerre! Appresi, volendo approfondire ciò, che, effettivamente, era dal tempo di Napoleone che nessuno svedese era uscito dai suoi confini con indosso l’uniforme e le armi in spalla ma che,nel corso del tempo, anche loro avevano partecipato a conflitti e battaglie. Anzi, un dei loro re, Carlo XII, e per citare solo lui, era stato uno dei condottieri più brillanti della Storia e, ancora molto giovane, si era buttato in avventure pazzesche, tanto che poi ci lasciò le penne (correva l’anno 1718); deve essere annoverato, tra l’altro, nello sparuto drappello di quegli ostinati e temerari capi militari che hanno tentato, invano, di sottomettere la Russia, fingendo di non accorgersi della sua vastità e dei suoi micidiali inverni!! La Svezia pertanto, oltre ad essere fredda, ha avuto una storia interessante e, sino ad un certo punto, tormentata.
Poi venne Pippi Calzelunghe, con la sua immagine di allegria e di freschezza, a farci ricordare di nuovo del suo Paese ed a mostrarci, visto che la maggior parte delle sue avventure si svolgeva nella stagione estiva, che il bel tempo arriva anche là, meno che qui forse, però non fa sempre tutto questo freddo!
Negli anni seguenti poi, le mie passioni ed i miei interessi, mi hanno insegnato che in Svezia hanno vissuto ed operato, oltre a scrittori e scienziati, anche musicisti di una certa levatura, ne cito due: Berwald e Stenhammar. Comprendo che, per chi non è appassionato e comunque prima dell’avvento del compact e di internet, tali due nomi avrebbero potuto significare nulla più che un paio di “Carneadi” sconosciuti alle persone normali. E sarebbe stato, in ogni caso, un giudizio sommario ed ingeneroso. Così ne cito altri due: Atterberg e Petterson: quest’ultimo ha composto un ciclo di sinfonie che è stato definito come il più imponente, nel XX secolo, dopo quello di Shostakovic, che non è un Carneade nemmeno lui, ma uno dei più grandi musicisti del novecento. Tra l’altro qualcun altro, oltre e meglio di me, conosce Allan Petterson, nelle nostre terre liguri: infatti in una delle mie visite ad un noto negozio di dischi genovese – che deve aver subito anche i danni della recente alluvione – il titolare mi ha mostrato l’intera e costosa serie delle sue sinfonie precisando che era stata prenotata da un melomane locale. Non voglio divagare troppo; per arrivare al sodo: in Svezia non ci sono solo il freddo e qualche bella ragazza, c’è anche parecchio di interessante, seppure ciò non sia apparso nemmeno a nostrani spiriti eletti, se è vero l’aneddoto che ho sentito raccontare – non riferisco da quale noto personaggio dello spettacolo – e che riguarda Salvatore Quasimodo. Ebbene il grande poeta, in visita a Stoccolma, forse proprio quando ricevette il Premio Nobel per la letteratura, nel 1959, annoiato dal soggiorno nella capitale svedese, avrebbe pronunciato la seguente domanda / commento: “Ma ca’ nun se fotte mai?”

Cambiamenti….

E’ ingiusto affermare che i più hanno della Svezia solo la sensazione del freddo. Nell’immagine che se ne ha o se ne aveva il Paese era pur sempre considerato, in accordo con quanto ricordavo dell’idea che me ne ero formato io, come esempio di welfare, di amministrazione efficiente, di esemplare correttezza politica ed istituzionale. Sembrava che lì tutto fosse trasparente, chiaro, regolato, che tutti pagassero le tasse soprattutto, suscitando invidia in qualcuno di noi e forse commiserazione in qualcun altro. Sembrava che lì non esistessero oscure trame, criminalità organizzata, eventi terribili capaci di scuotere la società. Poi, era l’ormai lontano 1973, qualcuno, chiacchierando di vari argomenti, mi riferì che la Svezia era il Paese europeo dove avveniva la maggior parte dei suicidi. La cosa mi lasciò un po’ perplesso ma entrambi – io ero molto più giovane del mio interlocutore e me stetti anche un po’ alle sue conclusioni – la addebitammo ad un malessere originato forse dal troppo “benessere”,anche se di sicuro le cause non erano da cercare lì.
Comunque, da allora, oltre che il freddo, il luogo comune fa associare alla Svezia il suicidio e senza remissione, senza porsi il problema se, dopo quasi quarant’anni, le cose stiano sempre così o siano cambiate. Anzi, qualcuno ha pure azzardato, o insinuato, di averne individuato le cause, che sarebbero da ricondurre…al freddo e così il cerchio si chiuderebbe di nuovo! Riferisco brevemente: alcuni anni fa un mio caro amico era in viaggio in Scozia con la sua compagna di allora; questa signora, una sera in cui i due si trovavano in visita ad Aberdeen, per nulla coinvolta dall’atmosfera, che dev’essere peraltro particolare, di quella città di mare, ebbe ad affermare che “con un clima così” è “facile immaginare che la gente sia spinta al suicidio” e non si era nemmeno in Svezia! Non esprimo nessun commento però mi chiedo, come mi ero chiesto allora, se la signora, che era originaria di Novara, non fosse mai stata indotta a supporre che qualcuno, ingiustamente, ingenerosamente, per inveterato e pervicace pregiudizio, avrebbe potuto pensare, per le medesime ragioni, la stessa cosa della sua città, ma chiudo la parentesi!
Sempre nel 1973, tra l’altro, accadde, nella capitale svedese, l’episodio – un furto alla kreditbanken – da cui derivò l’espressione “sindrome di Stoccolma”, indicante da allora un atteggiamento benevolo delle vittime di un sequestro nei confronti dei loro sequestratori.
In seguito, l’assassinio di Olof Palme, storico leader del Partito socialdemocratico, avvenuto nel 1986 e mai sinora del tutto chiarito, avrebbe potuto stendere un’ombra fosca sulla Svezia che immaginavo io, ma non vi riuscì.
Sono comunque passati venticinque anni da quel grave episodio, anche i miei anni sono aumentati, così come i miei disincanti e le mie disillusioni, a parte che io coltivo sempre illusioni.
Durante tutto questo tempo trascorso mi sono reso conto, come forse non solo io, che i tempi delle “vacche grasse” sono passati per tutti i Paesi, compresi quelli che erano considerati “modello”, però la Svezia era pur sempre la Svezia: qualcosa di diverso doveva pur mantenere, rispetto ad altri Paesi, che diamine!

Uomini (e donne) che si odiano abbastanza….

Infine, però, arriva questo “Millenium” di Stieg Larsson in cui la Svezia, a dispetto di tutto, appare un Paese dove si trova un campionario non trascurabile di magagne sociali: criminali spietati, killers belluini, balordi che fanno le boccacce ai passanti nei corridoi della metropolitana, quando non li aggrediscono, bande di motociclisti tipo i famigerati bikers statunitensi, scippatori che si pensava esistessero magari solo a Napoli – ricordo bene la scena in cui l'”avvocata” Blomkvist viene derubata della borsa da un ragazzotto in motorino – e poi agenti segreti quasi onnipotenti, anche se in pensione, e che sono comunque disposti a tutto perché non vengano svelati i loro intrighi, poliziotti ottusi – come del resto lo erano i due con cui di tanto in tanto aveva a che fare Pippi Calzelunghe – e lo stesso “modello” della Società che sembra scricchiolare e poi lungaggini burocratiche e giudiziarie che là sembravano inesistenti, politici malvisti e personaggi equivoci…,insomma sembra che anche la Svezia sia un Paese di m…., come un ‘opinione qualunquistica vorrebbe fosse il nostro, salvo poi a sostenere che noi, al mondo, siamo i primi in tutto e per tale motivo il mondo tutto ci invidia!
Ma che cosa è accaduto, negli ultimi venti, trent’anni? Sono scomparsi i modelli cui l’Europa, nella costruzione della casa comune per tutti i suoi popoli, avrebbe dovuto ispirarsi, lasciandoci solo il temibile spread che fa tremare governi, banche e popoli ? Oppure tali modelli esistevano solo di principio e di facciata? Oppure Stieg Larsson andava a cercare tutti gli aspetti negativi della società in cui viveva e si compiaceva di metterli in mostra in obbedienza ai canoni del thriller? Qualcuno se ne compiacerà e direbbe a me: “Perché cosa credevi, che questi nordici che sembrano così asettici, non abbiano del marcio anche in casa loro?” e abbiamo visto eloquentemente anche questo, l’estate scorsa, nel caso Breivik, che ho citato all’inizio.
Certo non esiste nessun Paese in cui non esistano criminalità, raggiro, malversazione, disonestà.
Ed è altrettanto vero che le Società che si ritenevano più avanzate, più libere e quindi meno ipocrite e prive di tabù “costrittori” celano vizi, perversioni e morbosità che un’errata opinione di tendenza vorrebbe maggiormente pertinenti di contesti sociali “falsamente moralisti” o “bigotti”.
Ma ciò che mi inquieta e mi induce alla riflessione è la veduta verso il basso cui ci stiamo abituando. Questi thriller – e tra quelli svedesi sono famosi anche quelli di Henning Mankell, il cui protagonista è il commissario Kurt Wallander – indulgono a raccontare fatti che purtroppo hanno riscontro nella realtà ma che vengono ingigantiti ed enfatizzati con compiacimento e con morbosità. In fin dei conti quello che giornali e telegiornali, anche da noi, hanno fatto con recenti e gravi casi di cronaca, e mi riferisco ai fatti di Garlasco, di Perugia, di Avetrana, per non citarne che alcuni. In tale modo, ritengo, la realtà e la fantasia si sovrappongono e ciò che si legge in un romanzo o si vede in un film del genere “thriller”, che in inglese significa “che fa’ rabbrividire”, diviene la continuazione e la prosecuzione della realtà. Se poi il “thriller” è calato particolarmente in un contesto sociale, come mi sembra valga per Larsson , il gioco è fatto: sul banco degli imputati andrà, oltre ai criminali protagonisti, se ci andranno, un’intera società, un intero popolo, un intero paese. Perché in questa nostra Europa in cui non si sono ancora riusciti a fare gli Europei i giudizi sommari ed i pregiudizi per niente sommari sono sempre al primo posto, non risparmiano nessuno e tendono appunto a spingere verso il basso l’opinione su di un Paese, specie se tale Paese era considerato come il vicino di casa rispettabile cui non sembravano imputabili pecche di nessun tipo. Immaginate il giorno in cui tale ipotetico vicino viene colto in flagrante per qualche fatto scabroso: quanti pettegolezzi, risatine e strizzatine d’occhio. Io penso che Larsson sia riuscito molto in questo intento, almeno qui da noi. Fermo restando che anche gli altri non sono immuni dai difetti e dalle colpe che, spesso, attribuiamo solo a noi.
Comunque io credo che oltre che Italiani,Francesi, Tedeschi o Svedesi, che siamo realisticamente prima di tutto, dobbiamo diventare degli Europei, ma con la coscienza di appartenere veramente ad una Comunità in cui valori umani, culturali, politici siano condivisi; finché nutriremo pregiudizi ciò non sarà possibile e non mi sembra una frase fatta.
A proposito, io non sono mai stato in Svezia, ne ho visto in lontananza la costa dai dintorni di Helsingor, in Danimarca. Se il direttore mi ospita vorrei corredare però queste mie riflessioni con una bella foto di un paesaggio svedese che si trova nella riserva naturale di Hovs Hallar: quando ho chiesto a mia sorella dove, secondo lei, potesse trovarsi quel posto, mi ha risposto che avrebbe potuto trattarsi dell’entroterra ligure!!

Giorgio Siri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *