lunedì, Dicembre 16, 2019
Home > Attualità > A.r.t.e. Savona acquista gli alloggi invenduti delle aree ex Balboltin

A.r.t.e. Savona acquista gli alloggi invenduti delle aree ex Balboltin

Arte – Aziende Regionali Territoriali per l’Edilizia – di Savona, sta definendo l’operazione di acquisto, dalla partecipata Progetto Ponente , Società ora in liquidazione, gli alloggi invenduti del complesso edilizio realizzato sulle aree Balbontin di corso Ricci. Il valore degli immobili è stato fissato in circa 29,3 milioni di euro, importo che sarà regolato dall’Azienda Regionale Territorio ed Edilizia, con l’accollo del mutuo ipotecario da 26,7 milioni ,contratto dalla società costruttrice (Progetto Ponente) con Carige e con un nuovo mutuo, da stipularsi sempre con Carige, per un importo di 3,8 milioni, destinato al pagamento dell’Iva sull’operazione d’acquisto. Altri 2 milioni 570 mila euro sono stati versati in acconto. Gli alloggi saranno assegnati in locazione a canone moderato.

E’ quanto prevede la relazione al bilancio preventivo di Arte Savona approvato dalla Regione Liguria. I conti 2018 dovrebbero chiudersi con un utile di 26 mila euro (109 mila il preventivo 2017), pagate le dovute imposte per 210 mila euro. Nonostante i ricavi (6.749.000 euro) superino abbondantemente i costi (5.944.000), pesano sul conto economico gli oneri finanziari (585 mila euro) relativi a due operazioni: quella con Progetto Ponente e la mancata vendita dell’ex ospedale Marino Piemontese.

La vicenda delle aree Balbontin è annosa: la riqualificazione era costata complessivamente 31,3 milioni di euro. L’intervento, iniziato nel giugno 2010 si era concluso nel 2015, con la realizzazione di 175 alloggi, di cui 67 avrebbero dovuto essere venduti a libero mercato, 50 di edilizia convenzionata e 58 a canone moderato (10 dei quali riservati alle forze dell’ordine); 1800 metri quadrati è la superficie destinata ad attività commerciali e 290 i posti auto, su due piani interrati. Ma l’operazione non era andata secondo i piani. Solo l’operazione riguardante i 58 alloggi da affittare a canone moderato, per i quali erano pervenute 264 richieste, era andata a buon fine. Le vendite sul libero mercato, invece, sono state compromesse dalla crisi del settore immobiliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *