domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Economia > A Savona in tre mesi 188 imprese in meno

A Savona in tre mesi 188 imprese in meno

Meno iscrizioni e più cessazioni: è così che, nel primo trimestre del 2012, si è allargata in Italia la forbice della vitalità delle imprese tra chi sceglie di entrare sul mercato creando una nuova attività (sono stati in 120.278 tra gennaio e marzo) e chi, al contrario, ne è uscito (in tutto, 146.368). In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2011, le iscrizioni sono diminuite di 5 mila unità mentre le cessazioni sono aumentate di ben 12mila unità, con il risultato di un saldo del periodo pari a -26.090 imprese. Praticamente il triplo rispetto ai primi tre mesi del 2011, quando erano mancate all’appello “solo” 9.638 imprese. In termini relativi, la riduzione dello stock delle imprese nel I trimestre è stata pari al -0,43%, contro il -0,16% del 2011.

A livello regionale il risultato è stato leggermente migliore, in quanto la diminuzione del numero delle imprese in Liguria nel trimestre gennaio – marzo è stata contenuta nello 0,37% (3.518 iscrizioni, 4.140 cessazioni per un saldo negativo di 622 unità). Nel primo trimestre 2011 il saldo era stato negativo per un ulteriore 0,29%. Spicca tuttavia in questo quadro il risultato particolarmente negativo di Savona, dove a fine marzo le imprese registrate erano 31.597, vale a dire 188 in meno rispetto al 31 dicembre 2011. Il decremento, in percentuale, è stato pari allo 0,59%, mentre a Genova e La Spezia la flessione si è fermata allo 0,30% e Imperia ha registrato un –0,39%. In provincia di Savona, come del resto a livello nazionale, il dato negativo è stato determinato dal saldo anagrafico delle imprese artigiane, dove in tre mesi sono state perse 97 aziende, pari allo 0,97%, facendo scendere il numero delle ditte registrate a 9.882.  Questo, in sintesi, il quadro che emerge dai dati sulla nati-mortalità delle imprese italiane nel primo trimestre dell’anno, fotografati da Movimprese e resi noti oggi a Lecce dal presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, nel corso del convegno sullo sviluppo del Mezzogiorno. La “macchina del tempo” dell’anagrafe delle imprese riporta quindi le lancette al primo trimestre del 2009, quando si registrò un saldo negativo pari a -30.706 unità e un tasso di crescita del -0,5%, allora risultato della fortissima crisi economico-finanziaria esplosa l’anno precedente. Oggi, la brusca frenata della vitalità imprenditoriale è l’evidente risultato della fase di recessione avviatasi nella seconda metà dello scorso anno e dell’accresciuta e diffusa difficoltà ad entrare nel mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *