lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > A Savona, prima o poi, toglieranno anche il “Pronto soccorso”, la Polizia municipale, la Croce Rossa e la Croce Bianca! Di bene in meglio

A Savona, prima o poi, toglieranno anche il “Pronto soccorso”, la Polizia municipale, la Croce Rossa e la Croce Bianca! Di bene in meglio

crisi savona

Abbiamo appreso tutti che la nostra prefettura di Savona con la fine del prossimo anno verrà tolta lasciando un vuoto istituzionale enorme in un territorio ampio e problematico come quello savonese.

E’ a dir poco allucinante la decisione presa a Roma nella “Stanza dei bottoni” dai nostri politici che, con tale decisione, hanno deciso di “abbinare” la nostra prefettura a quella di Imperia che vanta un territorio molto più piccolo. Il fatto stesso che, dopo la partenza per Roma del prefetto dott.ssa Gerardina Basilicata, non abbia provveduto a nominare un nuovo prefetto lasciando un reggente, già faceva intendere a questa decisione assurda. Ma non basta.

Girano strane voci, che, pare siano pienamente veritiere, che la nostra città venga a perdere, a fine del prossimo anno, anche la questura ed addirittura il comando provinciale dei vigili del fuoco. Il tutto, si dice, per risparmiare e tagliare sui conti pubblici. Forse non si rendono conto i signori romani che, così facendo, la nostra città resta scoperta nell’assolvimento di servizi essenziali e primari come quelli che, almeno fino ad oggi, vengono erogati a sostegno della popolazione e per la sicurezza di tutti. Una città, Savona, che resterà, come dire, allo sbando in balia di sè stessa perdendo supporti importanti da sempre presenti sul nostro territorio.

Situazioni che sono inaccettabili e che meriterebbero da parte della popolazione una presa di posizione ferma e decisa. E’ possibile che Savona conti così poco nello scacchiere politico nazionale ? Evidentemente pare di si, stante l’attuale situazione. Mi riesce difficile capire da che parte debba iniziare questa protesta che è più che legittima e che dovrebbe arrivare direttamente al cuore della politica romana. Perchè penalizzare così Savona? a che pro? In questo quadro voluto di impoverimento della nostra realtà non resta che levare anche l’ospedale o il pronto soccorso: pensate un po’ quanti soldini risparmierebbe la nostra sanità nazionale. E poi anche le pubbliche assistenze come la croce rossa o la croce bianca (per quanto quest’ultima sia privata) potrebbero essere tolte dalla circolazione : a cosa servono le ambulanze ed il personale para-medico? Ma si, già che ci siamo, leviamo anche la polizia municipale ed il comando provinciale dei carabinieri e della guardia di finanza.

Leviamo e smantelliamo tutto, della serie “viva il risparmio”. Ma chissà se si tratta solo di risparmiare o se, invece, si tratta di un impoverimento istituzionale chiaramente voluto e cercato. Poveri noi savonesi, saremo costretti ad arrangiarci come sempre, d’altronde, abbiamo sempre fatto. le beffe, quelle però, non dovremmo proprio accettarle.

Carlo Colla

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *