Attualità

A Savona un incontro dedicato al welfare

Si è tenuta, alla presenza del sindaco Ilaria Caprioglio, dell’assessore alle politiche sociali Ileana Romagnoli e del dirigente Walter Ziliani, la presentazione di un incontro dedicato al sociale che si terrà il 18 febbraio presso la Sala della Sibilla del Priamar di Savona.

“Questo è un incontro importante che vedrà il sociale a 360 gradi poichè occorre ascoltare più voci e fare una sorta di regia dall’università”, ha dichiarato il primo cittadino savonese, “senza dimenticare due osservazioni : l’andamento tipico del sud Europa con l’invecchiamento della popolazione ed una natalità sempre più bassa e la modifica delle tendenze della società. Spero ci siano tante persone perchè questo sarà un punto di partenza per capire come fare le prossime politiche sociali”.

Parole simili da parte dell’assessore alle politiche sociali :”Questo è un momento di cambiamento per l’Italia e l’Europa ed il terzo settore svolge un ruolo importante. Il territorio savonese ha avuto problemi di trasformazione senza dimenticare la crisi economica; ragioniamo partendo dai numeri ma facciamo anche un discorso derivante dalle esperienze e al convegno saranno presenti l’Università Cattolica e l’Università Bocconi ricordando uno studio dell’Università di Genova realizzato contattando tutto il mondo legato al sociale. Con i soggetti interessati si fa un ragionamento per prospettare il futuro con un laboratorio di idee con cinque temi importanti : minori, dote di cura, reddito di cittadinanza, abuso e maltrattamento minori, integrazione socio-sanitaria; il lavoro non è la conclusione di un percorso poichè bisogna conoscere i nostri punti di forza e di debolezza. Il convegno è dedicato agli utenti del settore, membri del volontariato e delle società ma è aperto alla cittadinanza ed il vero rischio è che la società vada avanti e noi restiamo fermi”.

“L’obiettivo dell’incontro è una riflessione per organizzare i servizi e nel 2011 è stato ribaltato il modo di agire”, afferma Ziliani, “anche se l’impressione è che la velocità del cambiamento sociale sia maggiore; occorre capire se bisogna cambiare tenendo sempre contro del riequilibrio. Dobbiamo capire come affrontare il futuro poichè cambiano le domande ed occorre adeguare le risposte; il dibattito deve creare i presupposti per lavorare con servizi complessi ed articolati e la convenzione con l’università ci aiuta molto”.

“Ci interroghiamo sulle risposte che diamo e dobbiamo darci per le sfide future; lo studio serve non solo a noi ma è una base di partenza per altri che vivono situazioni difficili ricordando che Savona è la città più vecchia d’Italia”, conclude l’assessore Romagnoli.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: