mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Attualità > A Varazze una lezione di “rifiuti zero”

A Varazze una lezione di “rifiuti zero”

rossano ercoliniUn esempio virtuoso da imitare. Un personaggio con una storia straordinaria. Un tema scottante destinato a cambiare le nostre abitudini. Ingredienti gustosi per una serata destinata a lasciare il segno nel senso civico dei cittadini di Varazze e Celle Ligure. Il tema è quello della “spazzatura”, e l’esempio virtuoso ci arriva dalla cittadina di Capannori, provincia di Lucca, che da qualche anno ha fatto di quello che per tutti i comuni è da sempre un costo, una vera e propria risorsa. Nel comune toscano la raccolta differenziata dei rifiuti ha superato l’80% (a Varazze per esempio è intorno al 20%), e la nascita di centri di smistamento e riciclo dà lavoro a più di 50 persone! Per raccontarci come sia possibile, e spiegarci come fare per copiare chi è più bravo, arriva a Varazze Rossano Ercolini. E’ lui che ha reso possibile il successo di Capannori: da semplice maestro elementare (professione che ancora svolge), occupandosi di rifiuti è diventato uno dei massimi esperti, e non solo a livello nazionale. Esiste un premio internazionale: the Goldman Environmental Prize, il cosiddetto “Nobel per l’Ecologia”, che viene assegnato negli U. S.A. ogni anno ad una personalità che si sia distinta in attività di particolare merito per la salvaguardia del nostro pianeta. Bene, nel 2013 l’ambito riconoscimento è stato assegnato, per l’Europa, al nostro Rossano Ercolini, diventato nel frattempo presidente del progetto internazionale “Zero Waste” Europa. L’incontro di Varazze è organizzato da: “Gente Comune”, “Se io fossi il sindaco di Varazze 2.0” e dal gruppo di Celle Ligure “Celle in Movimento”. Sala conferenze del Palazzetto dello Sport di Varazze – Mercoledì – ore 21.00. I cittadini sono ovviamente invitati a conoscere un vero genio dei nostri tempi, che illustrerà il suo progetto e sarà a disposizione per rispondere alle domande di tutti. Un’occasione imperdibile per chiedere consigli e guardare con occhi diversi i nostri rifiuti, o meglio la nostra “Rumenta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *