sabato, Gennaio 18, 2020
Home > Cultura e Musica > Ad Albisola Superiore i presepi di Lina Poggi Giuria

Ad Albisola Superiore i presepi di Lina Poggi Giuria

albisola superiore presepi lina poggi giuriaNell’approssimarsi del Natale sono numerose le offerte di esposizioni e mostre dedicate al Presepe. Fra queste ce ne ha segnalata una l’Istituto Internazionale degli Studi Liguri. Si tratta della esposizione ad Albisola Superiore dei Presepi di Lina Poggi Giuria a Villa Poggi, La Pace. Ad organizzarla è stato l’assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Albisola Superiore. “Si tratta – dice Josepha Costa Restagno dell’ Istituto Internazionale degli Studi Liguri di Albeng a- di una mostra che riteniamo possa essere interessante e riguarda questa volta la nostra di famiglia. Anche se su iniziativa del Comune di Albisola si tratta dell’esposizione, nella grande cantina della casa a La Pace, davanti al Santuario, dei dieci Presepi che la mia nonna, Lina Poggi Giuria, pittrice, intorno agli ottant’anni, aveva fatto, per una decina d’anni, ispirandosi a presepi di pittori famosi, con statuine modellate e dipinte da lei in terra d’Albisola”. Così dopo un’interruzione di alcune stagioni viene nuovamente allestita la mostra dei famosi presepi di Lina Poggi Giuria. L’autrice, di antica famiglia albisolese e savonese (1878-1971), nasce a Parma dove il padre, Vittorio Poggi, patriota, ufficiale ben noto per i suoi studi archeologici e storici, era in quell’anno di guarnigione; ultima della famiglia dopo quattro figli maschi. Cresce in ambiente di intellettuali e ben presto inizia a dipingere: è allieva di Lazzaro De Maestri, affrescatore di molte chiese del territorio, e partecipa a mostre in Liguria, a Venezia, a Roma. Lina Poggi Giuria crea il suo primo presepe, formato da un fondale dipinto a imitazione di un quadro e ispirato all’Adorazione dei Magi di Andrea Mantegna, con figurine plasmate in terra ma non cotte, nell’autunno del 1955, all’età di settantasette anni. “ I colori brillanti che ricoprono e tengono insieme le fragilissime figurine – prosegue Josepha Costa- sono gli stessi colori a olio che la nonna usava per dipingere i suoi quadri. Collocò il presepe all’interno di un antico mobile di casa, di cui i contenitori creati per la mostra e realizzati con l’appoggio del Soroptimist Club di Savona riproducono le dimensioni”. In tutti i presepi, la scena è in gran parte dipinta sul fondale; sono riprodotte però a tutto tondo in terra alcune figure scelte tra le più rappresentative. “ n alcuni casi – conclude Josepha Costa – la scena centrale riprodotta per intero, come nella Natività ispirata al Caravaggio, è completata con uno sfondo di paesaggio di fantasia che abbraccia l’intero perimetro interno della credenza. Così ogni anno si susseguono i presepi, ispirati via via a Piero della Francesca, al Murillo, a Filippino Lippi, a Tiepolo, al fiabesco notissimo presepe di Gentile da Fabriano, a Cima da Conegliano”. Si tratta di un omaggio a Savona, che possiede due importanti opere di questo autore. Lina Poggi Giuria realizzò l’ultimo presepe cinquant’anni or sono, nel 1964, all’età di ottantasette anni: riproduce fedelmente un quadro di Vincenzo Foppa. La mostra sarà aperta fino al 4 gennaio, nei giorni di mercoledì, venerdì, sabato, dalle 15 e 30 alle 18 e 30 e domenica, dalle 10 e 30 alle 12. Per avere maggiori informazioni è possibile telefonare a Villa Poggi ai numeri 019.487672 e 348.7119524. Ad Albenga invece sabato si celebrerà (nella sede di Palazzo Peloso Cepolla) la tradizionale riunione di fine anno dell’Istituto Internazionale degli Studi Liguri, presieduto dall’avvocato Cosimo Costa. L’appuntamento per soci, amici e simpatizzanti è per le ore 17. Interverrà il professor Giovanni Mennella, Ordinario di Storia romana ed Epigrafia latina all’Università degli Studi di Genova. Parlerà sul tema: “ Augusto e i suoi poteri visti dalla via Iulia Augusta”. Seguirà il tradizionale brindisi per gli auguri di fine anno. Per avere maggiori informazioni sulle attività dell’ ISSL è possibile telefonare ai numeri 0182 51215 e 0182 570434, o scrivere all’indirizzo e-mail ingauna. iisl@gmail.com

Claudio Almanzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *