lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Addio a Giovanni Bogliolo

Addio a Giovanni Bogliolo

Un ligure illustre e senza clamori, rettore dell'Università di Urbino

Se n’è andato, il 30 ottobre appena trascorso, un ligure illustre, nella discrezione in cui era vissuto; a 81 anni è morto l’ex rettore dell’Università di Urbino, il prof. Giovanni Battista Bogliolo.  L’ateneo stesso ne ha dato notizia e così lo ricorda il rettore in carica Vilberto Stocchi: “Un grande dolore ha colpito l’Università di Urbino alla notizia della scomparsa del prof. Giovanni Bogliolo”. “Il Prof. Bogliolo ha raccolto una difficile eredità: quella di succedere a Carlo Bo. Con la sua opera di traduttore ha dato un contributo significativo allo sviluppo degli studi sui grandi autori della letteratura francese. Nato a Laigueglia nel 1938, giunse a Urbino nel 1968 per insegnare Lingua e Letteratura Francese. Per affinità di docenza e per vicinanza affettiva, fu sempre accanto a Bo fin dai tormentati momenti della contestazione studentesca e attraversò con lui le alterne vicende dell’Università. Toccò a Bogliolo, eletto Rettore nel 2001, affrontare il difficile dibattito anche politico verso la statalizzazione, esteso inevitabilmente in città a chi vi si opponeva strenuamente senza considerare l’improbo confronto con atenei statali”. Fu lui  infatti a promuovere i numerosi incontri pubblici, aperti a studenti, docenti, sindacati e cittadini per arrivare ad una soluzione condivisa e conviìeniente,  che infatti prese avvio nel 2006 per concludersi nel 2012 e che vede oggi l’Ateneo ormai rilanciato e finanziariamente solido, tanto che proprio il giorno 31 ottobre, ancora il rettore Stocchi, inaugurando il 514esimo anno accademico, ha annunciato importanti lavori importanti che coinvolgeranno la struttura urbanistica e sociale della stessa Urbino.

Giovanni Bogliolo, come ha riferito “Il Resto del Carlino”, si è spento sui libri che ne avevano accompagnato la vita. L’ultmo suo importante impegno è stato la traduzione di “Frère d’âme” – “Fratelli d’anima”, in traduzione, di David Diop (Parigi, 1966), premio Goncourt des Lycéens e premio Strega Europeo del 2019.

Sempre vicino alla nativa Laigueglia, dove ritornava tutti gli anni, Bogliolo aveva presieduto il Premio Letterario alassino “Un Autore per L’Europa”.

I funerali saranno celebrati domani,  sabato 2 novembre alle 11,15 ad Urbino, nella chiesa di san Domenico. Camera ardente aperta presso l’abitazione in via del Fiancale, 15, sempre nella città marchigiana. Bogliolo aveva firmato una delle piasgtrelle del “muretto” di Alassio.

 

Foto da “Il Resto del Carlino” – Giovanni Bogliolo con lo scrittore cileno Luis Sepùlveda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *