Attualità

Agenzie di viaggio

Di vacanze si parla sempre; quando finiscono l’estate e con essa pure le ferie, ci sono i vari “ponti”; di questi giorni quello di Ognissanti.a tale proposito ricordo le parole di Don Pietro Giacosa, già parroco di Celle, da poco a Savona in San Giovanni Battista e Sant’Andrea, che ammoniva a tenere a mente il significato delle festività e, nell’occasione, non una celebrazione religiosa, ma civile ovvero il 25 Aprile che rischia,e con essa tutte le altre, di divenire materiale per il “ponte”, senza nemmeno sapere che cosa rappresenti! Le prossime vacanze saranno i giorni di fine d’anno che, chi può, riunirà con giorni di ferie in un “ponte” che prende una decina di giorni. Detto ciò, ed in attesa della prossima smentita da parte di altra angolazione dell'”osservatorio” osservante, si rileva che,secondo i dati della Camera di commercio di Milano, nei settori delle prenotazioni turistiche, sono attive, in Liguria, 423 imprese con 1.367 addetti su 16.093 imprese in Italia con 49 mila addetti. Il numero delle agenzie di viaggio è stabile negli ultimi cinque anni (+1,0%) mentre sono aumentati notevolmente gli addetti (+11,4% rispetto al 2014).

Cresce la capacità di accoglienza in Italia e anche in occasioni come questa bisogna convincere i turisti, sia stranieri che italiani, a tornare e a soggiornare più a lungo per approfondire e sperimentare tutte le opportunità, offrendo esperienze turistiche sempre più ampie, diversificate e personalizzate. “Dopo l’estate – osserva Luigi Maderna, presidente di Fiavet Lombardia, l’associazione delle agenzie di viaggio – è il primo momento per una pausa dal lavoro e ci sono opportunità di viaggio, senza grosse variazioni rispetto al periodo e in linea con gli anni precedenti. Le favorite sono le vacanze vicine e all’insegna della cultura nelle città italiane e europee”.

In provincia di Savona le imprese presenti nel settore delle prenotazioni di viaggi sono 58, in drastica diminuzione sia rispetto al 2018 (62, -6,5%) sia nei confronti del 2014 (72, -19,4%): in pratica ha chiuso un’impresa turistica ogni cinque. Il trend, è ovvio, si è accompagnato ad un calo degli occupati, scesi, nei cinque anni, da 179 a 150. Sembrerebbe che, dai dati cui abbiamo attinti che, per la prima volta, affermano tutto ed il contrario nelle stesso contesto, la situazione di Savona e provincia sia inj controtendenza, perchè se il n umero delle agenzie è stabile e fli addetti aumentano non può essere vero il contrario! O no! Ed in questo clima vagamente “ioneschiano”, concludiamo!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: