sabato, Aprile 20, 2019
Home > Cultura e Musica > Al Don Bosco di Savona: “Ecco la sposa!”

Al Don Bosco di Savona: “Ecco la sposa!”


di - 21 Novembre 2011, 11:21

Sabato 26 novembre (ore 21) e domenica 27 (ore 16), sul palco del Teatro Don Bosco di Savona, la compagnia “La Torretta” riproporrà: “Ecco la sposa!”, commedia brillante di Ray Cooney e John Chapman (traduzione di Maria Teresa Petruzzi), davvero divertentissima e che già ha allietato il pubblico degli affezionati di Via Piave 13 nella rassegna 2008-2009.

Anche sotto i preparativi delle nozze della figlia, il pubblicitario Timothy è sempre più preda delle proprie nevrosi e del proprio lavoro, finché non sopraggiunge un attacco di follia, quale conseguenza di un colpo alla testa, ed egli solo vede una ragazza quanto mai attraente e disinibita, parlare e ballare con lui. La giovane ha vestiti e sembianze di quella figura di cartone in stile anni 20, che ha appena portato in casa (mentre tutta la sua famiglia si aspetta che lui si sia preoccupato di comprare i calzini dello suocero nonché i fiori per gli abiti da cerimonia di donne e uomini) e che dovrebbe servire a sponsorizzare una marca di reggiseni. Ma, dal cartone al sogno ad occhi aperti, la figura inanimata dal nome Polly, con le sue piume rosse, è lì a duettare e ballare con lui.  Ammireremo il protagonista, Guido Chiappelli (foto) nei panni di Timothy, nella simpatica ‘leggiadria’ dei movimenti: ora in coppia a danzare, ora innamorato perdutamente di chi l’ha appena baciato con passione (tanto che da questa meraviglia non si vorrebbe più sganciare e volteggia con la gamba alzata sul palco). Favoloso al momento della terza botta in testa (quella che, dopo essere diventato l’elemento maschile della nuova coppia ‘Fred Astaire e Ginger Rogers’, lo riporta nella realtà) e scambierà il consuocero signor Babcock con chi gli ha commissionato il lavoro sulla marca di intimo.

Molto brava sarà anche Alessandra Crescini che interpreterà Polly, e che si muoverà seguendo musica e gesti così tipici di quegli anni.
Sonia Arecco, egregia nel ruolo di Ursula, moglie di Timothy, non perderà una battuta: se il ‘marito’ sarà affacendato in altri pensieri, è a lei che faranno riferimento tutti quanti. Lo scorrere agile della commedia sarà in larga parte merito suo.
Michele D’Onofrio ci regalerà un consuocero dal tipico accento americano, che trasuderà boria e ricchezza.
Lorenzo Morena e Gianna Marrone sono i nonni della sposa: lui sarà un po’ svampito e traviserà le parole e i ricordi; lei autoritaria e secca. Entrambi perfetti.
Marco Ventura sarà Bill, il socio di Timothy: socio ma impegnato nell’azienda non più di tanto, visto che i clienti, piuttosto che parlare con lui, chiamano Timothy a casa. Ventura è un acquisto relativamente recente nella compagnia, ma direi proprio che ormai non se ne potrebbe più fare a meno. È disinvolto, leggero, pregnante, e passa con facilità dal ruolo di figlio che si rivolge al padre in dialetto (“Rapin-na in banca” che rivedremo il prossimo 28 e 29 gennaio 2012), ai panni odierni di elegantone su cui si possa fare poco affidamento.
Roberta Ferraro sarà la sposa Judi, una parte che si accaparra il titolo, ma è una parte minore: però, se ciò che conta è fare bene il proprio lavoro, sarà certamente promossa.
Regia di Morena, scene di Franco Ghersi, luci e musiche di Andrea Ghersi.

Questo è l’ultimo appuntamento della dodicesima Rassegna dell’anno 2011, ma prima del Natale ci sarà un evento extra: lo spettacolo teatrale per i più piccoli di domenica 18 dicembre (ore 15): “Il circo Arcobaleno”, di Giovanni Margara, a cura del Gruppo “Arcobaleno” di Savona; un’allegra e sana proposta per quei bambini che sono troppo spesso in balia di videogiochi e televisione.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *