domenica, Agosto 18, 2019
Home > Cultura e Musica > Al via la settima edizione del Premio Nazionale Città di Loano

Al via la settima edizione del Premio Nazionale Città di Loano

L’incontro con Calicanto aprirà, Mercoledì 27 luglio, la settima edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana, organizzata dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Fondazione A. De Mari e il patrocinio della Regione Liguria, della Provincia di Savona, dell’ANCI e del MEI.

Alle ore 18.30, in Piazza Palestro, il gruppo veneto, che quest’anno festeggia 30 anni di attività, sarà ospite del Premio Incontra… per promuovere gli album: “Mosaico” e “Barene”. L’incontro, condotto dal giornalista musicale John Vignola, offrirà l’opportunità di ripercorrere le tappe più significative della carriera artistica di Calicanto e di approfondire la conoscenza degli ultimi due dischi. “Mosaico” è il quattordicesimo lavoro discografico di Calicanto e ogni brano di questa nuova avventura è una tessera musiva che racconta dei molteplici percorsi intrapresi negli anni: la ricerca, la rielaborazione e la rivitalizzazione della tradizione.  “Barene”, invece, è l’album d’esordio, che il giovane arpista, polistrumentista e compositore Alessandro Tombesi ha realizzato insieme a Calicanto, affiancando musiche della tradizione veneta a composizioni originali. Calicanto tornerà a salire sul palco del Premio, la sera alle ore 21.30, questa volta sul lungomare nello Spazio Culturale Orto Maccagli, dove riceverà il Premio alla Carriera 2011. Insieme al quadro d’autore di Bruno Chersicla, sarà consegnata al gruppo la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana, che per il quinto anno consecutivo è stata conferita al Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana. Subito dopo la premiazione, si alzerà il sipario sul concerto di Peppe Voltarelli, che si presenterà sul palco in formazione trio per proporre i brani del disco “Ultima notte a Mala Strana”, targa Tenco 2011 come miglior album in dialetto.  La base ritmica sarà composta da Paolino Baglioni, per anni percussionista di Piero Pelù nel suo percorso solista, che suonerà una batteria manouche di piccole dimensioni, e da Italo Andriani al basso e contrabasso, musicista eccellente, già al fianco di artisti con appeal internazionale quali Riccardo Tesi. Saranno la chitarra acustica e la fisarmonica di Peppe Voltarelli a scandire le melodie delle canzoni con il loro tessuto armonico popolare legato alla tradizione. Nella scaletta del concerto ampio spazio sarà lasciato alla riletture di alcuni brani storici di Voltarelli, come “Raggia” e “Andrebbe bene un Gelato al limone”, “Tarantella del Trionto” e “Distratto ma però”, con omaggi e incursioni nel canto popolare italiano del dopoguerra.

In caso di pioggia le due iniziative si svolgeranno nella Sala Consiliare di Palazzo Doria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *