mercoledì, Giugno 19, 2019
Home > Attualità > ALASSIO, DOPO IL RIMPASTO NELLA GIUNTA

ALASSIO, DOPO IL RIMPASTO NELLA GIUNTA

Primo Consiglio comunale, ad Alassio, dopo il rimpasto seguito alle dimissioni di Monica Zioni, ex vicesindaco, che esce ufficialmente dalla giunta; sono stati assegnati nuovi ruoli ed incarichi, ma ancora, a gran voce, la minoranza chiede i motivi politici di quanto avvenuto e si continua ad insistere su di una regia, pur remota, di Marco Melgrati  sugli  eventi che hanno turbato la vita politica alassina , nonostante le smentite categoriche di Melgrati come della Zioni.

Tra le conseguenze agli ultimi eventi,  però,  non può sfuggire un passo avanti da parte di Melgrati, che ha già manifestato la propria disponibilità a candidarsi sindaco alle elezioni dell’anno prossimo. “Tante persone mi chiedono di tornare a fare il sindaco, non solo esponenti del centrodestra. Non mi tiro indietro”;  per contro Angelo Vaccarezza si è già espresso: “Canepa è il mio sindaco”.

Entrando nello specifico,  Vaccarezza afferma: “Ci sono alcuni consiglieri a cui il sindaco Canepa ha dato il ruolo di Assessore, come Monica Zioni, o altri che non l’hanno mai avuto come Rocco Invernizzi o Bonavia, che ritengono di tradire il volere degli alassini. È un vero e proprio tradimento perché Alassio è un comune sotto i 15 mila abitanti, elegge il sindaco e il consiglio comunale, non c’è il voto disgiunto.

Chiunque prende una preferenza la prende in conseguenza alla preferenza espressa al sindaco. Bonavia ad esempio ha preso circa 90 voti e mai sarebbe diventato consigliere comunale se si fosse candidato da solo, è suo diritto non essere più d’accordo con il sindaco, ma è suo dovere rimettere il mandato e andare a casa e lasciare che un altro diventi consigliere comunale. Non è una cosa illegale non farlo, ma è una cosa immorale e chi non ha morale in politica è bene che prima o poi vada a casa oppure se continua a fare politica sia sul banco dell’asino.”

Riguardo a Melgrati così si esprime : “Non so se ci sia lui dietro questi movimenti o se questa sia stata una operazione organizzata, io so che Alassio aveva bisogno di un sindaco con gli attributi e l’ha trovato in Enzo Canepa che ha dovuto risanare una situazione non certo rosea. Alassio ha vissuto un po’ al di sopra delle sue possibilità facendo tanti errori, errori sull’appalto del depuratore, sui parcheggi al campo di calcio, il Grand Hotel, tutte situazioni che hanno portato debiti per il comune che Canepa ha dovuto risanare.”

Continua poi il capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale: “Credo che Alassio avesse bisogno di Enzo Canepa e credo anzi che Alassio abbia ancora bisogno di Canepa e spero che intorno a lui si riesca a costruire un’amministrazione forte e spero che tutti diano un contributo. Marco Melgrati è una grande risorsa di Forza Italia nella città di Alassio. Spero che lui dia un contributo nella prossima amministrazione, se vorrà andare via sarà un peccato e sarà una perdita per il centrodestra, ma lui come tutti è importante ma non indispensabile”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *