venerdì, Novembre 15, 2019
Home > Attualità > Alassio, Melgrati duro contro il trasporto su rotaia: “Situazione ferroviaria da Medioevo”

Alassio, Melgrati duro contro il trasporto su rotaia: “Situazione ferroviaria da Medioevo”

Il Sindaco di Alassio stigmatizza l’episodio di viaggiatori fatti scendere e trasferiti con autobus a causa di un guasto tecnico: “episodio di stamattina nel 2019 ha un che di grottesco e raccapricciante per località che sono il fiore all’occhiello del turismo ligure”

“Dobbiamo portare le ferrovie liguri nel secondo millennio! Siamo nel Medioevo dei trasporti dove basta un guasto banale per mandare in tilt il traffico di persone e merci. I media rilanciano teatrini “sitav-notav” all’interno del medesimo governo che rasentano il ridicolo. Nei mesi scorsi è stato approvato un ordine del giorno in cui il Governo si è impegnato a individuare i finanziamenti per il completamento del raddoppio ferroviario del ponente ligure: da allora il silenzio. Se il Governo si è impegnato con un atto ufficiale è ora che rispetti gli impegni. Sotto il profilo dei trasporti la Liguria sta vivendo in un girone dell’Inferno dantesco e non mi sembra di avvertire nessuna inversione di tendenza a livello di un Governo che dopo quasi un anno non ha ancora capito cosa fare sul fronte delle infrastrutture”.

Non le manda a dire Melgrati che in più di un’occasione ha sottolineato a più livelli il grave disagio che vive il ponente ligure monco di una vera e propria rete infrastrutturale. 

“Il crollo del Ponte Morandi – dopo più di cinque mesi, autentico monumento all’inedia governativa – aggiunge Melgrati – ha del tutto compromesso un equilibrio già precario di una Regione morfologicamente complessa e pertanto bisognosa di attenzioni particolari. L’episodio di stamattina nel 2019 ha un che di grottesco e raccapricciante per località che sono il fiore all’occhiello del turismo ligure: viaggiatori costretti a scendere, imbarcati su autobus per raggiungere le proprie destinazioni o stazioni successive con ore ti ritardo ​… vergognoso”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *