Attualità

Albenga, consegnate due borse di studio in memoria di Lara Ianne

Sono state consegnate, alla presenza della preside Simonetta Barile, dei rappresentanti dell’associazione “Donare un sorriso”, di Italo Ianne, del noto compositore Franco Fasano e dei ragazzi delle classi quinte, due borse di studio del valore di 500 euro ciascuna in memoria di Lara Ianne, giovane ragazza deceduta tragicamente. Le vincitrici sono Nausica Grosso e Letizia Moreno.

“Ringrazio Italo Ianne, padre di Lara, per la sua generosità, e voglio dire ai ragazzi di quinta che occorre investire energie per poter essere i prossimi vincitori della borsa di studio”, ha dichiarato la dirigente scolastica, “e che bisogna studiare per il proprio futuro ma ricevere questo aiuto è un ulteriore stimolo. Sono contenta di vedere qui rappresentate due diverse forme di arte, quella tradizionale e quella musicale, perché entrambe sono espressione artistica”.

Stessa commozione da parte del padre di Lara :”Sono onorato di essere qui e voglio dire che con questo gesto rinnovo il ricordo di mia figlia che era sempre disponibile con tutti e sono convinto che dobbiamo essere come “sabbia nel vento”. La musica è la mia arte e continuerò sempre tanto che a breve uscirà un mio disco e io ho ben 78 anni. Porgo a tutti i miei auguri con la speranza che il premio diventi sempre più bello”.

“Siamo onorati di essere i tramiti di Italo”, affermano i rappresentanti dell’associazione “Donare un sorriso”, “e per noi esse qui è motivo di orgoglio”.

“Incontrare Italo è stata per me una svolta”, sottolinea Franco Fasano, “e l’ho conosciuto grazie a mio padre. Dalla nostra amicizia sono nate tante idee ed ho capito che la musica poteva diventare per me un lavoro. Italo vive di musica e non poteva non trovare una coniugazione artistica”.

“Lara era straordinaria sia come artista che come persona”, evidenzia Mauro Vicari, compagno di Lara, “ed era, nel profondo, un’artista visto che lavorava con i sogni; era anche molto spirituale e la sua gabbia interna la proteggeva dai demoni. Studiare serve a difendersi e nel mondo di oggi senza istruzione si è in pericolo”.

“Abbiamo esaminato tutte le domande per la richiesta della borsa di studio”, ricorda Gino Rapa, “e due erano arrivate a pari merito; allora abbiamo deciso di dividere la cifra”.

“Ringraziamo il signor Italo e tutta la commissione”, dicono le due ragazze vincitrici, “e questo premio è una gratificazione per il nostro lavoro. Vogliamo dire che il liceo artistico è molto impegnativo ma gratificante e ringraziamo tutti per aver diviso la borsa di studio”.

“Oggi è qui presente la storia della musica italiana e voglio dire che Italo è un uomo di valore perché ha saputo rialzarsi dopo questa grande tragedia”, conclude il professor Baruzzo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: