venerdì, Novembre 15, 2019
Home > Attualità > Albenga è ancora “città amica degli alberi”?

Albenga è ancora “città amica degli alberi”?

Il WWF, a gennaio 2017, avva conferito al Comune di Albenga il premio “Città Amica degli Alberi 2016” , “come riconoscimento del buon lavoro che sta svolgendo nel settore del patrimonio arboreo cittadino.”

Stefano Gatti, in particolare, il delegato alla Tutela del Patrimonio Arboreo del WWF di Savona, aveva visitato la “Città delle Torri” in seguito all’intervento di rifacimento di Via Einaudi e si era congratulato con l’Amministrazione per il “pollice verde” di cui era stata capace, per avervi mantenuto i quarantaquattro pini marittimi, pur col problema delle radici affioranti. In via Einaudi sono stati mantenuti i pini, pur avendo dovuto, in varie occasioni, predisporre la chiusura della strada per motivi di sicurezza o provvedere al taglio di alcuni alberi. Ma in Piazza Matteotti non si è andati per il sottile e dei pini che lì si trovavano se ne sono salvati due. Gli alberi di via Gramsci sono stati tagliati e sostituiti con aranci. Tale ultimo intervento non è stato proprio gradito da alcuni cittadini che hannno deplorato la decisione del Comune di abbattare gli alberi, ritenuti non più sani e che erano di ostacolo alla circolazione per la comparsa delle radici affioranti.

Il WWF di Savona non vorrebbe mangiarsi le mani, per il riconoscimento attribuito alla città di Albenga. “Nel Comune di Albenga, un nuovo abbattimento -di massa- che questa volta ha coinvolto una decina  di Pini Domestici in Via Gramsci” così si è espresso Stefano Gatti ed ha proseguito: Il WWF chiede ufficialmente all’Amministrazione Comunale di provvedere prontamente alla loro sostituzione, piantando giovani alberi di pari classe di grandezza, al fine di non impoverire il Patrimonio Arboreo Comunale. Gli abbattimenti di Alberi in Città rappresentano sempre un evento che genera un “impoverimento ambientale”, per la perdita in Ossigeno, Ombra, Refrigerio, Bellezza e Biodiversita’, causata proprio dalla distruzione degli Alberi in questione.  Pero’ questo “depauperamento” tende a diventare  “permanente”, nei casi in cui non viene ripiantato nulla, o se non vengono ripiantati giovani Alberi della stessa specie di quelli abbattuti o comunque di specie simili!  Esempio pratico: se viene abbattuto un Pino Domestico (un vero Albero di prima grandezza) non possiamo mettere al suo posto un Oleandro e dire cosi’ di averlo correttamente sostituito!  Del resto, constatiamo con soddisfazione che un numero sempre maggiore di abitanti della citta’ ingauna sta in effetti mostrando una grande sensibilta’ in tema di attenta gestione degli Alberi di Albenga… e di cio’ va tenuto conto! “

Risponde il vicesindaco e Assessore ai lavori pubblici, Tomatis:Abbiamo dovuto tagliare i pini di Via Gramsci perchè stavano arrecando diverse problematiche al manto stradale ed erano pericolosi per la sicurezza. Data la presenza del rio, inoltre, non è stato possibile realizzare lo stesso intervento che abbiamo fatto in via Einaudi perchè le radici erano tutte da un lato e gli alberi sarebbero stati sbilanciati. Per lo stesso motivo non sono stati piantati alberi di grandi dimesioni, ma abbiamo scelto in accordo con i residenti gli aranci che sono sempreverdi e non dovrebbero arrecare problemi. Abbiamo optato per piantare alberi giovani in modo da favorirne l’attecchimento e per fare in odo che per molti anni non fosse più necessario alcun intervento sugli stessi. Credo che la nostra scelta abbia rispettato il verde pubblico e il nostro intento è stato quello di tutelare il patrimonio arboreo della nostra città. Teniamo molto al verde pubblico e lo abbiamo sempre tutelato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *