sabato, Maggio 25, 2019
Home > Attualità > Albenga – Facebook blocca Ciangherotti per un post contenente la parola “zingaro”

Albenga – Facebook blocca Ciangherotti per un post contenente la parola “zingaro”

Quello della censura è uno dei temi salienti sui quali si dovranno confrontare i social network nei prossimi anni. Per troppo tempo snobbati, i social sono ormai un prolungamento della società concreta e dovranno essere soggetti, per forza di cose, alle medesime regole. Detto ciò, anche sul web si apriranno questioni analoghe a quelle a cui siamo abituati da generazioni. Una di queste è quella che riguarda quali parole si possono e quali non si possono dire.
Eraldo Ciangherotti, consigliere di minoranza ad Albenga tra le fila di Forza Italia, denuncia la sospensione temporanea del suo profilo Facebook (24 ore) a causa di un post in cui utilizzava la parola “zingari”“Facebook ha bloccato il mio profilo perché ho usato la parola “zingari” nel mio ultimo post. Mentre facevo un giro per piazza Europa ho visto la solita famiglia di zingari che per motivi di lavoro gira tutta l’estate per Albenga scorrazzando anche nelle città limitrofe. Facebook mi chiedeva cosa pensassi in quel momento. Bene, ho risposto scrivendo semplicemente una promessa: “se a maggio prossimo, quando andremo alle elezioni comunali, Albenga mi sceglierà nella squadra al governo della città, farò di tutto per mandare via da Albenga accattoni, questuanti e zingari che campeggiano coi camper nelle nostre piazze e importunano la gente”, afferma Ciangherotti, che ha poi aggiunto in tono polemico scagliandosi contro il mondo della sinistra: “Se qualcuno degli intellettuali perbenisti di sinistra ha da ridire perché improvvisamente si sente ‘uno di loro’, faccia in modo di non farmi votare. Altrimenti faremo pulizia”.
Toni chiaramente accesi che si sviluppano in un appello diretto al team di Facebook:
“Perché Mark Zuckerberg non viene ad Albenga per farsi un bel giro in città accompagnato dal gruppo comunale di Forza Italia? Sarebbe un’occasione formativa per far comprendere al fondatore di Facebook che per noi Albenganesi la presenza di postulanti che importunano ad ogni angolo della strada e magari mettono anche in atto ruberie costituisce un serio problema di decoro urbano e di ordine pubblico. Non si tratta di odio razziale nei confronti degli zingari, ma di semplice constatazione di un disagio provato da ampia parte della collettività, anche di quella iscritta su Facebook”.
Una storia quindi sospesa tra questioni linguistiche, presunto razzismo e libertà di espressione: “È sbagliato censurare un pensiero che anche le linee guida dell’Anci nazionale sulla sicurezza urbana contemplano nella promozione del rispetto del decoro urbano, nella prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, nella tutela della legalità e dissuasione di ogni condotta illecita. Appena il mio profilo di Facebook questa sera sarà nuovamente accessibile, troveremo nella community dei miei amici un sinonimo di “zingari” più gradito ai membri dello staff di sicurezza per evitare la rimozione dei post che per altro raccolgono ampio consenso proprio perché condivisi dall’intera comunità”.  
L’Accademia della Crusca esplicita il principio della “prudenza verbale”, ovvero quell’attenzione che bisognerebbe usare quando si parla in pubblico nella scelta delle parole, in quanto alcune di esse hanno intrinsecamente assunto delle connotazioni negative che viaggiano indissolubilmente insieme al “signifié” (la parte del mondo concreto o astratto indicata dalla parola), per citare il linguista Saussurre. Quindi, citando un schema presente sul sito della Crusca: «immigrato, clandestino, profugo» (nella lingua comune); «vu cumprà» (in forma irridente, anche se apparentemente bonaria); «negro, zingaro, rom» (con allusioni offensive). 
Il punto cruciale rimane comunque. Giusto censurare un pensiero politicamente ammissibile per una scelta linguistica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *