giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Cronaca > Albenga Garessio, il Comune piemontese cede le azioni

Albenga Garessio, il Comune piemontese cede le azioni

sanofi garessio

A fare notizia non è tanto che si tratta dell’ennesimo ente locale che dismette l’ennesimo pacchetto di azioni della società per l’Autostrada Albenga Garessio Ceva (Agc), quanto il fatto che a vendere è proprio il Comune di Garessio, cuore piemontese del (mai realizzato) tracciato autostradale, cittadina di residenza dello (storico) presidente della società, il dentista Luigi Sappa, che di Garessio è stato anche (storico) sindaco e che oggi, avendo esaurito i mandati a disposizione, si è defilato in un ruolo di assessore.
Il Comune di Garessio non ha perso la speranza di potersi permettere di avere, in un futuro per ora indefinito, un casello autostradale, ma ha dovuto fare i conti con la legge di stabilità 2015 che impone la dismissione delle partecipazioni in società non indispensabili al perseguimento delle proprie funzioni istituzionali o che comunque risultino composte da un numero di amministratori superiore al numero dei dipendenti. E se anche sulla prima condizione il Comune di Garessio avrebbe anche potuto avere qualcosa da dire, sulla seconda non c’è partita: a fronet di 9 consiglieri di amministrazione e di tre membri del collegio sindacale, il dipendente è uno soltanto, e per giunta part time, in quanto in organico presso il Comune di Cuneo, sede legale della società.
Di qui l’inevitabile conclusione. Le azioni detenute da Garessio, 3.850 pari al 5 per centod el capitale sociale, sono state messe in vendita al prezzo, già spuntato da latri enti, tra cui la Provincia di Savona, di 13 euro per azione. Si tratta, in totale, di 50 mila euro. Termine per la presentazione delle iofferte è il 21 novembre prossimo, data in cui, come è accaduto sinora, si presenterà con in mano un assegno la Satap, società del gruppo Gavio che sta rastrellando tutte le manciate di azioni che gli enti pubblici piemontesi e del ponmente ligure stanno monetizzando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *