sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Attualità > Albenga, spaccio e consumo nel parcheggio dello stadio Riva

Albenga, spaccio e consumo nel parcheggio dello stadio Riva

I consiglieri di Forza Italia Eraldo Ciangherotti e Ginetta Perrone portano alla luce le istanze di alcuni residenti, i quali evidenziano come la situazione intorno allo stadio “Riva” sia di assoluto degrado:

I comunicati stampa diramati negli ultimi tempi dall’amministrazione comunale, per voce del vicesindaco Riccardo Tomatis, mostrano il restyling di un campo da calcio, per materiali utilizzati, concorrenziale con altre stadi di serie A. Infatti, gli oltre 725.000 euro di mutuo del Credito sportivo contratto dal comune di Albenga per questa ristrutturazione, dovrebbero rendere l’Annibale Riva un gioiello per i nostri tifosi.
E invece no, i residenti della zona ci hanno convocato per questa mattina (mercoledì 26 ndr) all’alba per mostrarci il degrado in cui versa l’area dello stadio nell’ultimo anno. 
Da quando sono in corso i lavori, raccontano i residenti, è aumentato il volume delle persone che al calar del sole frequentano la zona e molto spesso si tratta di gente poco raccomandabile. Ogni sera qui è un via vai di auto e motorini che si fermano per consegnare pacchetti a persone che consumano direttamente qui la droga. E infatti a girare sono tante le siringhe usate abbandonate qua e là, oltre a materiale da discarica, escrementi, bottiglie di birra e di superalcolici gettate vuote sull’asfalto.
Molti sono i nordafricani che si ubriacano e passano la notte a bere birra, lasciando uno scempio dentro e fuori l’area di calcio. Ci hanno chiamato disperati i residenti della zona, perché qui è il far west e le tante proteste avanzate non hanno sortito alcun effetto. Risse e aggressioni, qui sono all’ordine del giorno di ogni serata, come si evince dai tanti vetri frantumati e sparsi qua e là, fra chiazze di sangue coagulato. I parcheggi sotto allo stadio, nel tardo pomeriggio, diventano la casa di decine di sbandati che vivono in condizioni disastrate. Lasciare aperto e abbandonato l’ingresso di un parcheggio di queste proporzioni significa dare a queste persone ulteriore spazio fertile per implementare i loro traffici. Lo stadio Annibale Riva, come il piazzale del camposanto principale, sono diventati zone off-limit dove i residenti sono costretti a navigare a vista mentre il degrado aumenta ogni giorno sempre di più. Il parcheggio di cui offriamo ampia documentazione fotografica, oggi è l’ennesima terra di nessuno. Al vicesindaco responsabile dei lavori pubblici e dello stadio Riva, Riccardo Tomatis, non chiediamo di farsi anche lui un giro in notturna per verificare questo degrado, per lui abbiamo fatto noi il lavoro più sporco. Adesso però crediamo debba esserci un’azione di forza che reprima l’insorgere di queste aree degradate. Certo, un cane antidroga acquistato due anni fa come da nostra indicazione in Consiglio comunale, avrebbe già fatto da deterrente efficace per scongiurare il dilagare di questo traffico di droga. Gli ultimi mesi di questa amministrazione nefasta vengano usati per ascoltare le istanze del centrodestra che sulla sicurezza non si gira dall’altra parte e anzi cerca di risolvere il prob
lema.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *