giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Cronaca > Albergatori in corteo: fisco e costi insostenibili

Albergatori in corteo: fisco e costi insostenibili

Non sarà una marcia di protesta, ma il corteo che martedì  29 maggio attraverserà il centro di Savona avrà il significato di un grido d’allarme lanciato dalle aziende turistiche della provincia, molte delle quali rischiano la chiusura. La manifestazione, indetta dalla giunta dell’Unione Provinciale Albergatori, è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa nella sede dell’Unione Industriali di Savona. “Gli albergatori si mettono in marcia”, è il tema della giornata di mobilitazione che vedrà protagonisti imprenditori e lavoratori, titolari e direttori d’albergo fianco a fianco con chef, maitre, addetti alle reception, personale di sala e personale ai piani, oggi coinvolti in una crisi che non sembra lasciare spazio all’ottimismo.

Alle spalle c’è una stagione invernale disastrosa, un mercato che si restringe, una tassazione che ha raggiunto livelli insostenibili mentre il calo delle prenotazioni lascia intravedere un’altra difficile stagione estiva,. Gli albergatori si sono dati appuntamento per martedì prossimo alle 14,30 in piazza Sisto IV, davanti al palazzo comunale, da dove alle 15 partiranno in corteo diretti verso piazza Saffi, dove sosteranno sotto la prefettura. Una delegazione sarà ricevuta dal prefetto di Savona, Gerardina Basilicata, per sottolineare al rappresentante del Governo la gravità della situazione e chiedere un suo intervento a livello ministeriale. “Parola d’ordine del corteo – spiega Franca Roveraro Cappelluto (nella foto), presidente dell’Unione Provinciale Albergatori –  sarà uno slogan, 300 sì e 90 no, che sta a testimoniare la volontà di tenere aperte le nostre aziende 300 giorni all’anno e non per i soli 90 dell’alta stagione. Questo significa lavorare di più, creare nuovi posti di lavoro e renderli consolidati, migliorare l’attrattività del nostro territorio, dare una spinta all’economia in generale. Per questo serve una grande mobilitazione, con l’invito a partecipare a tutte le categorie che hanno a che fare con il turismo”. Nel corso della conferenza stampa è stata anche presentata la nuova struttura organizzativa dell’Unione Provinciale Albergatori. L’UPA “holding” continuerà ad occuparsi di politica turistica, rapporti con le istituzioni (Regione, Provincia, Comuni), rappresentanza sindacale, formazione e riqualificazione. Braccio operativo dell’Unione, per il settore promo-commerciale, sarà UPA Service, che affiancherà le aziende alberghiere associate in progetti di marketing e di commercializzazione, in Italia e all’estero. UPA Service, presieduta da Alberto Orso con Massimo Parodi come vicepresidente, si occuperà inoltre di servizi innovativi per le imprese e anche della “spending review” per gli alberghi, l’analisi dei vari fattorio di spesa finalizzati al contenimento dei costi. Contenimento dei costi che è l’obiettivo di un’altra iniziativa dell’UPA, ovvero la costituzione del Consorzio LUCE (acronimo per Libera Unione Consumi Energetici), gruppo d’acquisto per l’energia elettrica, gas e altre utenze. Presieduto da Marco Marchese, il consorzio si occuperà della ricerca sul mercato di fornitori con i quali sottoscrivere convenzioni al prezzo più vantaggioso

One thought on “Albergatori in corteo: fisco e costi insostenibili

  1. Carissima Franca mi legga su La STAMPA del15/12/13 e su trucioli savonesi “non regaliamo le nostre opere d’arte ed il nostro futuro”. Avrei molto piacere di conversare con Lei, mi contatti ,sono a Sua disposizione…. Guido Luccini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *