AttualitàCultura e Musica

Albissola Marina, Voxonus riapre la cappella di Villa Faraggiana. Appuntamento domani

Terzo, “storico” appuntamento per la sesta edizione del Voxonus Festival.
Domani, venerdì 28 luglio (turno A ore 19.00, turno B 21.15), villa Faraggiana riapre al pubblico la sua splendida Cappella della Misericordia, che non era accessibile al pubblico (almeno) dal 1939. Protagonista della serata il Voxonus Duo, formato da Maurizio Cadossi, violino e Claudio Gilio, viola. In programma pagine di Bach, Cambini, Mozart e Beethoven.

La Cappella dedicata alla Madonna della Misericordia (in cui campeggia un grande dipinto settecentesco di Giovanni Agostino Ratti) è la piccola e suggestiva chiesetta della villa, in cui hanno pregato prima i Durazzo, la famiglia dei Dogi di Genova, poi i Faraggiana. In origine, però, la Cappella era aperta anche  agli abitanti della case circostanti. Molto probabilmente nel ‘700 è stata ospite di musica: oggi la musica, della stessa epoca, ritorna a risuonare suo interno. La Cappella è stata restaurata nel corso del’800, ma alla vista, dato il suo inutilizzo, sembra affrescata di recente.

Il programma è eseguito come sempre su strumenti d’epoca e con prassi filologicamente informata. il Duo è una formazione “salottiera” tipica del settecento. “Violino e viola – dice Claudio Gilio – erano strumenti assai utilizzati dai compositori di quel periodo, spesso essi stessi esecutori ad uno degli strumenti. I musicisti di corte, oltre a scrivere composizioni per grandi organici, opere, sinfonie, messe, si proponevano spesso di allietare il “signore” di turno con brani allo stesso dedicati. Il livello musicale delle composizioni e la loro difficoltà pongono questi lavori a pieno titolo nella letteratura degli strumenti ai quali sono dedicati. Il programma prevede due tipologie di proposta, entrambe rispondenti alla prassi del periodo, vale a dire composizioni originali per violino e viola e trascrizioni da opere per altri strumenti. Di Bach e Beethoven presenteremo trascrizioni, dal clavicembalo per il primo (due tempi dalla suite inglese n° 2) e del duo per clarinetto e fagotto per il secondo. Si tratta di musica “assoluta” eseguibile con qualsivoglia strumento (soprattutto Bach), al di là dello strumento dedicatario. Bach (1685-1750), in stile pienamente barocco e Beethoven (1770-1827), che con questo brano è completamente centrato nello stile neoclassico, rappresentano gli estremi cronologici e stilistici del programma. In mezzo proponiamo un duo di Giuseppe Cambini (1746-1825), compositore italiano di cui Voxonus si occupa con regolarità anche con operazioni discografiche di successo. Il duo in sol maggiore di W.A.Mozart (1756-1791), invece, è concepito dalla mente superiore del genio salisburghese in chiave molto più ampia di quanto i soli due strumenti farebbero supporre. Ascoltarlo, proietta in una dimensione immediatamente solenne e risulta facile, anche in assenza di strumenti conoscitivi approfonditi, essere rapiti dalla luce della perfezione che Mozart, come nessun altro, riesce a trasmettere attraverso pochi, essenziali suoni.”

Il Voxonus 2017 Albissola è reso possibile da: Comune di Albissola Marina, Ministero BeAC, Regione Liguria, Fondazione De Mari, Comune di Savona, Todisco Group, But Terminal, O.c.clim., Vernazza Autogru, Società Carmelo Noli, Cives, Rht, Mirage beach, Accademia Musicale di Savona, Associazione Carla e Walter Ferrato.

Info: Orchestra Sinfonica di Savona, 019 824663, www.orchestrasavona.it, facebook: Voxonus

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: