giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Alla ricerca della felicità perduta

Alla ricerca della felicità perduta

Non siamo più capaci di ammirare quegli infiniti orizzonti alla ricerca dell’isola felice, prigionieri del nostro ego, il mostro tentacolare che ci rende indifferenti e del quale non riusciamo, o non vogliamo, liberarci. Il silenzio, la solitudine, il viaggio dei ricordi, lo sguardo segreto, il dolore, l’amore e il sesso triste, sono il tic tac del nostro quotidiano; il percorso ineluttabile dei doveri obbligati e delle convenzioni, delle verità e delle falsità occultate sotto la maglietta modaiola per apparire invece che essere, il fingere, senza volere comprendere che altro non siamo che il soffio di sabbia che scorre sempre più veloce nella clessidra della vita, le immagini sempre più sfuocate di un film che continuiamo a taroccare: ognuno con la propria sensibilità, storia, dubbi, destino, il rimpianto incollerito per un incontro mai avverato di un amore straordinario o per una canzone che amavamo ma che non riusciamo più a ricordare.

Capita, a volte, di sentire impellente la necessità di una pulizia interiore, di un risveglio della coscienza da lungo tempo inascoltata, il recupero della memoria per analizzare gli errori del trascorso e fare un onesto bilancio esistenziale. E’ questa una cultura diversa, alternativa, l’unica possibile per ritrovare e mettere in salvezza, senza condizioni, senza obliquità, il nostro divenire e quello delle future generazioni, relegando ai margini quel consumismo osceno di sentimenti e speranze, dei soli numeri senz’anima che sta mistificando il pianeta: anche la desinenza politica, ormai posizionatasi a un livello di “dittatura democratica” è divenuta troppo incombente, irrazionale, rendendoci nostro malgrado schiavi e non liberi cittadini del mondo. Tutto ciò è amorale e grave peccato: mai e poi mai potrà, dovrà, cambiare, pur se stupidamente violentato, l’amplesso con la natura che l’uomo ha stabilito nella notte dei tempi, il grande respiro che si comprende guardando oltre la siepe ombrosa dei nostri pensieri, per ascoltare la bellezza misteriosa delle onde del mare che si infrangono nella rena dell’ultima nostra spiaggia.  Diceva Seneca che “infelice non è colui che possiede poco, ma colui che ha bisogno di molto e desidera sempre di più.’

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *