mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Attualità > Alla scoperta della ONLUS savonese Seconda Stella a Destra

Alla scoperta della ONLUS savonese Seconda Stella a Destra



La vice presidente Francesca Sessa: “Siamo un’associazione a sostegno della genitorialità in presenza di un figlio nato con disabilità o patologie. Abbiamo ottenuto presso al Casa del volontariato a Savona la nostra prima sede per avviare, in collaborazione con la pediatria del nosocomio savonese, uno sportello dedicato ai neogenitori che affrontano la delicata e improvvisa circostanza legata ad una diagnosi medica di patologia congenita o acquisita del proprio bimbo. Abbiamo in essere da anni molti progetti per i bambini. Due tra i più importanti sono legati a dei laboratori musico espressivi e motori e uno appena avviato di ippoterapia”.

La storia dell’associazione

Sono trascorsi circa sei anni dalla costituzione di una piccola realtà associativa savonese, costituita da soli genitori e operante nel terzo settore cittadino, che si è prefissata come scopo quello di sostenere con qualunque mezzo i neogenitori di bambini con patologie alla nascita o disabilità, qualunque esse siano. Un impegno concreto nel volontariato e per il sociale della nostra provincia, che non è mai venuto meno e che si è fatto riconoscere nelle piazze del centro cittadino, solcando a piccoli passi una strada in salita con il solo obiettivo di riuscire ad ottenere una rete di collaborazioni intorno ai neogenitori che possa sensibilizzare famiglie e istituzioni affinché comprendano quanto sia prioritario accogliere il bisogno di sostenere, con azioni concrete, chi deve, a sua volta e con coraggio e forza, crescere dei bambini sereni. Iscritta al Registro Regionale del Terzo Settore – sezione delle organizzazioni di volontariato – dopo un anno, la Seconda Stella a Destra ottiene di poter operare come una ONLUS di diritto. Chi l’ha voluta fortemente fondare, nel 2012, è stato un ristretto gruppo di genitori, una mamma sola ed una giovane coppia di neogenitori, che, proprio a causa del loro vissuto legato alle patologie riscontrate dai  propri figli dalla nascita, hanno voluto rispondere a questo bisogno, fortemente condiviso poi anche da altri neogenitori. L’associazione si prefigge di sostenere, recuperare e camminare insieme a chi, soprattutto nei primi anni di vita insieme al proprio bimbo, può vivere una situazione di isolamento, pesantissima e drammatica, un senso di rabbia, di colpa, di inadeguatezza e tutti gli altri sentimenti coinvolti nella necessaria elaborazione di ciò che da soli, se non sostenuti, non sempre si riesce ad affrontare. Primo denominatore comune: la paura di non farcela o peggio di non avere speranze. Oggi i genitori dell’Associazione Seconda Stella a Destra, cui il Comune di Savona ha concesso un locale ad uso esclusivo, ubicato nella neonata Casa del Volontariato – ex scuola materna di Via San Lorenzo, dispongono quindi finalmente della loro prima Sede, aperta a tutte le famiglie ma volta soprattutto a sostenere quelle più fragili in quanto costrette ad affrontare, per il loro difficile ed imprevisto vissuto, momenti di grande smarrimento e dolore, paura e scoraggiamento.
Questo ha consentito all’associazione di poter creare presso la propria sede uno spazio accogliente rivolto ai neo genitori con i loro bambini, al fine di poter avviare, entro breve, in collaborazione con il comune e la pediatria ospedaliera, i pediatri di famiglia, i consultori familiari, il primo sportello per neo genitori che si prefigge di poterli accompagnare agevolando quelle necessarie dinamiche che realizzino, col tempo, una reale inclusione sociale, non solo del bambino ferito da disabilità bensì dell’intero nucleo familiare.

Le attività svolte, tra cui “Un cavallo per amico”

Tra le principali attività che sono in essere da anni tra i progetti che l’Associazione sta portando avanti, inserite nell’ampio progetto “Diversamente insieme”, si ricorda ​l’attivazione, a richiesta specifica da parte di un genitore, di un percorso di incontri attraverso i gruppi di Auto mutuo aiuto per neogenitori; il Vaso dei suoni, mediante il quale, in collaborazione con gli operatori del Giardino sonoro della cooperativa sociale Progetto Città e l’Associazione Genitori della Nostra Famiglia di Varazze, sostenuti dal Rotary Club Savona, si realizzano settimanalmente per bambini diversamente abili fascia 6-10 e 11-18, laboratori musico- espressivi e motori; ​il progetto di Riabilitazione con il mezzo del cavallo, rivolto a bambini portatori di handicap neuromotorio, sensoriale, psichico, relazionale e realizzato mediante una convenzione con il “Quiliano Reading Club”: la convenzione è stata avviata per molte famiglie escluse dai fondi regionali destinati ai disabili, a causa dei tagli sociosanitari. La Seconda Stella a Destra è conosciuta dalle famiglie savonesi proprio perché associata a quest’ultimo dei progetti in elenco: quello dei cavalli che, portati in piazza per agevolare momenti di aggregazione ed inclusione delle stesse famiglie, favoriscono la divulgazione del progetto di Ippoterapia che i genitori sostengono e diffondono con testimonianza diretta e risultati ottenuti sui propri bimbi. In piazza, con il loro banchetto divulgativo, le creazioni e i manufatti delle mamme e dei bambini, insieme alla raccolta fondi, si realizzano, oltre al battesimo della sella dei bambini, anche prove di ippoterapia che, con attrezzatura equestre e personale qualificato e competente, possono essere rivolte a bambini portatori di disabilità.
Ed è grazie a questa loro audace divulgazione che i genitori dell’associazione, grazie alla mediazione del Cesavo – Centro di servizio per il volontariato savonese -, sono stati contattati per ricevere una donazione privata ha dato il via a un progetto pilota di Ippoterapia per i bambini. “Un cavallo per amico, dedicato a Marta”, questo è il progetto completamente sostenuto nelle spese da donatore savonese, il signor Mauro, persona sensibile che ha deciso di dedicarlo alla memoria della moglie Marta, profonda amante degli animali. Tale meritevole primo progetto riabilitativo ha preso il via nel mese di dicembre, dopo aver ricevuto il patrocinio del Comune di Savona, in collaborazione con il maneggio “Quiliano Reading Club”. Fondamentale il contributo dell’istruttore di equitazione e tecnico specializzato in riabilitazione equestre Erika Dolermo, sostenuta dalla dottoressa Elisa Alfeo, medico specializzato presso “A.N.I.R.E. di Milano”, per la stesura dei piani riabilitativi individualizzati, la condivisione di obiettivi valutabili a breve, medio e lungo termine, nonché le specifiche competenze professionali.

Uno sguardo al futuro

Stiamo avviando anche altre collaborazioni con Semplicemente Danza per la danza parolimpica dei bambini della nostra ONLUS, tra i quali, pioniere sarà appunto la mia bimba di 8 anni”, conclude con orgoglio la vice presidente di questa meravigliosa realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *