lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > “Amore, ragione e partenze” di Loretta Ramognino

“Amore, ragione e partenze” di Loretta Ramognino


di LORETTA RAMOGNINO - 4 Febbraio 2019, 14:10

poesia

La Ragione.

Detesto questa parola.

Non sta bene da nessuna parte.

E’ presuntuosa, saccente, fallibile e sta seduta, svaccata, su quel trono di spine, di rose, di velluto rosso e di sangue rappreso.

La sua parte migliore è come Dio: sempre equivocata.

Pensiamo:

ha ragione

ho ragione

hanno ragione

usa la ragione

fermati e ragiona.

Perché, pare, che così ci sia assenza di errore.

Perché?

Perché c’è la Ragione e quindi il ragionamento e quindi cio’ che più si avvicina al giusto.

Se c’è la Ragione, quindi la sana, completa, raffinata attività cerebrale curata, edotta e resa mansueta, il margine di errore si riduce al minimo.

In assenza di patologia riconosciuta da medici ragionanti e ragionevoli la Ragione risiede “ a palazzo”, al vertice e da lì risuona l’eco della sua onnipotenza fino a raggiungere l’ultima, ombrosa stradina del Regno.

No. Sbagliato.

E’ un vortice di ambiguità e di inganno.

La Ragione è un dittatore ignorante e megalomane che non vuole perdere un trono che ritiene legittimo, donato da Dei improbabili e poco inclini all’amore.

Per difendere le mura confonde, intorbidisce, sevizia i sudditi incatenati alla fisicità e che stanno sotto di lei.

Li allinea tutti al muro di un pianto disperato pronta a fucilarli.

Meglio perdere una parte che il tutto. Meglio spegnere una stella che l’intero universo.

E, in quel palazzo reale che è stato anche cinto da corone e diademi, esiste una torre inespugnabile. Non ha la porta, non ha le scale.

E’ lì che risiede l’Anima tenuta prigioniera.

Giulietta innamorata di un Romeo che non arriva.

Il suo cuore batte forte e se ne sente il vento nei corridoi del palazzo reale.

La sua voce è flebile, ma incessante. E’ come il rumore delle cascate: così tanto continua da non sentirsi più.

Così procede la vita a palazzo.

Nel suo ordine stabilito dalla Ragione disturbata soltanto dalla voce dell’Anima prigioniera nella torre.

Perché la Ragione decide di non ucciderla?

Perché il cuore risiede lì e perché il seme della continuità gli è accanto.

Sarebbe la morte per tutti.

L’eternità puo’ esistere, ma è mutevole. Puo’ esserci solo nella trasformazione. E così arriva l’addio che spezza l’equilibrio.

Quando stiamo per perdere una persona noi lo sappiamo, lo capiamo.

Ci giriamo dall’altra parte sperando che un panorama diverso ci distragga, ma quella mano ferma e invisibile ci costringe a guardare.

Vediamo che quella persona ha iniziato un cammino che la porterà lontana da noi. Così tanto lontano che non sappiamo dove. Una distanza non misurabile, un luogo senza coordinate, privo di Stella Polare.

Ce lo dice la Ragione?

No. Quando accade veramente ce lo dice l’Anima.

Quando il suo battito si fa più veloce, quando urla e ci mette in guardia, ci avvisa, ci prepara, diventa araldo della sorte.

E cosa fa la Ragione?

Moltiplica le forze. Attinge dall’esterno l’energia necessaria. Si accerta che i sudditi, benchè stremati, apportino ogni giorno il loro contributo, il loro lavoro di soldati efficienti.

Se la macchina si muove, se il Regno respira, niente puo’ accadere.

Invece accade.

Le anime vicine, quelle che si conoscono da sempre,comunicano, si confessano, si dicono la verità, si respirano più forte nel tentativo di assorbire l’altra, si danno appuntamenti al buio, si fondono come mai hanno fatto prima.

Una si prepara a perdere, a rimanere più sola, l’altra si prepara a partire e consola l’anima che resta, la rassicura, la stringe.

Seppur spaventata, protegge quella che non è ancora destinata a seguirla.

E’ questo il dramma del Regno.

Muore senza sapere perché.

Muore per la statistica.

Muore per una medicina che ha dei confini di filo spinato.

Muoiono i sudditi dopo una vita di lavoro incessante.

Dell’anima che parte che ne sarà?

E cosa ne sarà di quella che resta e della sua solitudine?

Sappiamo soltanto che una esce libera dalla torre e guarda disperatamente quella che rimane e che la ama di un amore senza fine e che rimane prigioniera.

Forse un attimo prima le anime hanno il tempo di strapparsi e scambiarsi un pezzetto di cuore perché possano battere ancora all’unisono.

E non importa dove, ma nello stesso modo, con lo stesso amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *